4 luglio 2011 redazione@sora24.it
LETTO 388 VOLTE

“Deroga per le assunzioni degli ortopedici: volontà politica di non penalizzare la sanità del territorio sorano

“La deroga concessa alla Asl di Frosinone per sbloccare le assunzioni degli ortopedici testimonia che la Presidente della Regione Lazio ha recepito le nostre preoccupazioni circa la salvaguardia dell’ospedale ‘SS.Trinità’. Enzo Di Stefano commenta così la decisione assunta da Renata Polverini, nelle sue vesti di Commissario ad acta della Sanità, circa la possibilità, riservata all’Azienda Sanitaria locale di Frosinone, di assumere nuovo personale, nonostante il blocco del turn-over. “Il provvedimento di deroga ha un significato importantissimo visto che è adottato in un momento in cui è necessario rispettare i termini di rientro dal debito sanitario: nonostante ciò, è stato consentito alla Asl di Frosinone di procedere all’assunzione di quel personale medico che consentirà un regolare funzionamento dei reparti di Ortopedia e Traumatologia, compreso, ovviamente, quello di Sora, per il quale, appena qualche settimana fa, era stato paventato addirittura il rischio di chiusura. Mi sono fatto carico della responsabilità di scongiurare tale eventualità e, del resto, non ho mai dubitato della certezza degli impegni assunti dalla Presidente Polverini, in occasione del sopralluogo compiuto, nel periodo elettorale, su mio invito, alla struttura di San Marciano, con la presenza anche della Presidente della Commissione regionale Sanità, l’On.Alessandra Mandarelli. Questa deroga dimostra, anche e soprattutto ai più scettici, che la volontà politica del governo regionale è quella di garantire un funzionamento adeguato della nostra struttura sanitaria, a beneficio del vasto bacino d’utenza che gravita intorno al ‘SS.Trinità’. Ringrazio Renata Polverini e invito i cittadini a diffidare di coloro che, in precedenza e tuttora, hanno denigrato gli sforzi compiuti o hanno provato ad assumersi meriti, che, in realtà, appartengono ad altri. Come sempre, alla fine, valgono i fatti più che le parole”.

Comunicato stampa di Enzo Di Stefano

Commenti

wpDiscuz
Menu