1 settembre 2014 redazione@sora24.it
LETTO 1.036 VOLTE

07-08 Settembre: il tradizionale pellegrinaggio diocesano a Loreto con il vescovo Gerardo

Il territorio della Diocesi di Sora Aquino Pontecorvo tradizionalmente manifesta la devozione popolare verso la Madonna di Loreto, partecipando, con un gran numero di fedeli, al pellegrinaggio dei giorni della festa della Natività di Maria, il 7 e l’8 settembre. È un’antica e sentita consuetudine che accomuna migliaia di persone di ogni nostra zona pastorale. Sono anni ed anni che proprio il 7 e l’ 8 settembre il dialetto maggiormente presente, parlato e riconosciuto a Loreto, è il “nostro”, fin da quando, da Sora, partivano i treni speciali, organizzati “dall’ Azione Cattolica Diocesana”.

Anche per il 2014 molti pellegrini e alcune amministrazioni comunali, sollecitate con una lettera-invito dal vicario generale della Diocesi, mons. Antonio Lecce, saranno presenti ufficialmente alle manifestazioni programmate per i giorni 7 ed 8 settembre. Un omaggio dei nostri “Paesi”, molto sentito, rivolto solo alla “Vergine Bruna”, nel ricordo ed in memoria anche delle persone di tante generazioni , che andavano a Loreto, con mezzi di fortuna, spesso a piedi, indossando il costume ben curato, ricamato ed originale e messo in mostra solo nelle occasioni delle feste più importanti. Il programma per il giorno sette prevede l’incontro dei pellegrini nella Piazza della Madonna verso le ore 18.00.

Alle ore 20.30 si svolgerà la celebrazione dei Vespri in Basilica, tenuta dal vescovo Gerardo e successivamente la tradizionale processione, durante la quale verrà dato un particolare rilievo ai gruppi in costume, provenienti dal nostro territorio diocesano, sia laziale che abruzzese. Lunedì, 8 settembre, dopo la S. Messa delle ore 8.00, presieduta da mons. Gerardo Antonazzo, i pellegrini della Diocesi di Sora Aquino e Pontecorvo, parteciperanno alle manifestazioni previste dal Rettore della Basilica. Un altro privilegio che conferma la grande considerazione in cui vengono tenuti i fedeli provenienti dal nostro territorio. Una tradizione che continua, che ha fatto storia e che suscita ed evoca emozioni, memorie, fede e grande devozione alla Madonna di Loreto.

Gianni Fabrizio

Commenti

wpDiscuz
Menu