venerdì 1 aprile 2016 redazione@sora24.it

100.000 € per le strisce pedonali: quanto ci costano le folli spese di Tersigni secondo “CI SIAMO”

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa a firma del Movimento “CI SIAMO”.

«Negli ultimi tempi tutti noi sorani ci siamo resi conto di quante cose, o meglio, della quantità industriale di materiale vario buttato nelle nostre strade, nelle piazze, sull’intera città. Già le rotatorie di per sé avevano fatto storcere il naso per il numero spropositato e l’effettiva inutilità, creando anche confusione, ma ora con questi attraversamenti pedonali uno dopo l’altro e messi senza criterio e solo per accrescerne il numero fino in prossimità degli stop, senza contare quale danno potranno causare ai pazienti delle autoambulanze costrette a sicuro rallentamento, non se ne può più in tutti i sensi, ma sicuramente quello che fa tanto male è il fattore economico.

Det. 38 = 33.000 euro, 7 giorni dopo det. 91 = 30.000 euro, altri 19 giorni det. 175 = 33.000 euro, 4 giorni prima det. 32 = 21.562,20…ma mentre per le prime 3 paga Sora per l’ultima si divide con la Regione Lazio. In pratica questi attraversamenti pedonali ci sono costati fino adesso (ma ancora non è finita…) 117.562,20 di cui 106.781,10 A CARICO DEL COMUNE DI SORA senza se e senza ma.

Ai più attenti non sarà sfuggita la particolarità di questi interventi, sebbene siano stati fatti l’uno a ridosso dell’altro si poteva ipotizzare un’unica commessa visto anche che la ditta appaltatrice era sempre la stessa ovvero la Ras srl di Benevento, ma purtroppo per Tersigni esiste una legge di cui all’art. 125 comma 11 del d.lgs 163/06 CONSENTE L’AFFIDAMENTO DIRETTO PER SERVIZI INFERIORI A 40.000 EURO e allora avrà pensato che tanto chi controlla e se la somma risulta più alta per non fare il Bando basta spezzare in più parti e fare finta di niente, si può sempre inventare che dopo aver fatto i primi la gente “entusiasta” ha chiesto i secondi e così via e così la legge è aggirata …” Del resto fessi, ciechi, ben disposti si trovano sempre…

Ma questo sindaco deve già rendere conto di 42.057,13 euro di cabine dissuasive (velo-ok) per un noleggio che si poteva anche capire, frutto di uno sbaglio iniziale, per 12 mesi ma è il perseverare che fa pensare quando finito l’anno obbligatorio con spregio del denaro pubblico si è rinnovato per un altro anno e tutti noi siamo ben consci dell’ulteriore inutilità per un conto totale (ma ancora non è finito perché se rieletto ce ne saranno altri 5…) di euro 84.114,26… MA COSA STIAMO PAGANDO? NULLA, perchè non servono proprio a nulla…

Ma no vi dirà il sindaco, Sora non paga niente di questi 84.114,26 euro perché è tutto inserito nel PNSS della Sicurezza Stradale del piano regionale, come a dire tanto sono coriandoli e quelli si possono buttare…ovviamente DIMENTICANDO SEMPRE DI DIRE CHE IL 50% E’ A CARICO NOSTRO DI SORA (ogni progetto che presenta vive perennemente di questa dimenticanza)….

Con atto di G.M. n. 178 del 25/6/2012 il finanziamento sulla Sicurezza Stradale è di 600.000 euro di cui il 50% a carico regionale e l’altro a carico del Comune. Con la legge 144/99 del 7/1/2013 si è sottoscritta la convenzione tra Regione Lazio e Comune di Sora per la quota regionale, solo che a TUTT’OGGI la Regione Lazio dal 2012 non ha ANCORA sborsato un centesimo della sua parte (viene evidenziato nella recente det.32 del 25/2/2016) per cui COME COMUNE DI SORA DOBBIAMO PAGARE IL NOSTRO ED ANTICIPARE QUELLO DELLA REGIONE, QUINDI QUESTO COMUNE CHE HA BUCHI ECONOMICI STRATOSFERICI SI STA INDEBITANDO PER 600.000 EURO.

600.000 EURO sono un mucchio di soldi e un cittadino tollererebbe la spesa se servissero ad abbellire la propria città con strade nuove, marciapiedi rifatti (pochi giorni fa una ragazza è finita all’ ospedale inciampando in una delle buche del ponte Vaughan, ora transennato) e via Napoli oramai è come una via della Siria bombardata, ma la sicurezza più grande sarebbe nel mettere mano a via Carpine e Pietra Santa Maria dove è impossibile camminare o peggio ancora avventurarsi con una bicicletta, o altro ancora e molto più urgente di quello a cui si è messo mano nel progetto di Tersigni e se poi ci mettiamo che ricade tutto su di noi come città e la Regione stenta, allora sono dolori.

Noi siamo molto preoccupati, perché dalla politica dello schifo non esce mai chi paga dopo, e stiamo osservando come questa Regione Lazio si tiri indietro a fronte di pagamenti concordati, vale la pena ricordare i 534.499,79 euro PER ORA TUTTI ANTICIPATI da questo Comune per la diga voluta da Tersigni, vale la pena ricordare i 118.317,09 euro ANTICIPATI per il progetto Sora Open (di cui c’è un esposto alla Guardia di Finanza di Sora e uno a Roma) e la cui somma quasi sicuramente non sarà onorata dalla Regione che ha invalidato il progetto stesso e che Tersigni ha ridicolizzato nella versione sorana (che noi di Ci Siamo tratteremo prossimamente)…

Ma allora qualcuno fermi questo sindaco, che nella sua discesa libera ha già stracciato tutti i record di soldi anticipati anche se viene l’ennesimo sospetto che poco sia stato onorato (le casse comunali sono vuote) e ci siano tanti pagherò, un bel mucchietto di cambiali sul tavolo del prossimo sindaco di Sora, sempre che ci sia ancora il tavolo…»

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
scrivi un commento

Commenti

wpDiscuz
scarica la nostra App
Per ricevere le notizie sul tuo smartphone o tablet: clicca qui e scarica gratis l'App
gli articoli più letti