18 novembre 2011 redazione@sora24.it
LETTO 1.403 VOLTE

I liceali chiedono alle istituzioni: “Uniamo il Simoncelli con il Valente”

Secondo giorno di protesta a Sora da parte degli studenti del liceo classico e dell’artistico contro il piano di dimensionamento scolastico provinciale. La volontà degli alunni del Simoncelli e del Valente è quella di unirsi. E per farlo comprendere in maniera inequivocabile oggi circa 500 studenti dei due licei, l’artistico e il classico, hanno dato vita ad un corteo partito alle 8 di stamattina dal liceo classico Simoncelli con destinazione il Comune di Sora. Qui i rappresentanti dei licei si sono incontrati con il sindaco di Sora Ernesto Tersigni.

“Il Simoncelli è uno degli sitituti più antichi di Sora, non vogliamo essere accorpati con il  liceo socio psico pedagogico Gioberti”, hanno ribadito gli studenti del liceo classico al sindaco che da ragazzo è stato un allievo del Simoncelli. “Non lo accettiamo – continuano i liceali – perché così perderemmo la nostra identità, non vogliamo essere secondi a nessuno e diventare l’indirizzo di nessun altro liceo. Meglio unirsi con l’artistico”. Nel pomeriggio il primo cittadino ha accolto le istanze dei liceali e le ha ribadite all’assessore provinciale delegato Gianluca Quadrini in una riunione fiume durata fino a sera. Alla fine il clima si è surriscaldato, genitori e alunni hanno duramente contestato l’assessore Quadrini che si è allontanato dalla riunione scortato dai vigili urbani. Tuttavia il sindaco Tersigni smorza le polemiche: “Il prossimo anno scolastico non cambierà nulla per il liceo classico. Nessuno ha mai parlato di un accorpamento con il socio psico pedagogico, alunni e genitori possono stare tranquilli: il Simoncelli non si tocca, continuerà ad essere il liceo classico di Sora”.

[nggallery id=60 template=caption]

Il direttore responsabile di Sora24 – SACHA SIROLLI

Foto – Mike Di Ruscio

 

Commenti

wpDiscuz
Menu