20 marzo 2012 redazione@sora24.it
LETTO 527 VOLTE

Sora Calcio: a Civitavecchia per un’altra battaglia

Il Sora non aveva altro risultato che la vittoria nel match con il Progetto Sant’Elia e, al termine di una partita combattuta e difficile, i bianconeri riescono a tornare al successo. I tre punti sono ossigeno puro in un momento cruciale della stagione e permettono a Lisi e compagni di tirarsi nuovamente fuori dalla zona playout anche se la bagarre salvezza si dimostra incerta ed agguerrita.

Le concomitanti vittorie di Arzachena, Monterotondo Lupa e Civitavecchia dimostrano che nessuna delle contendenti intende mollare ed ora, dal Palestrina che occupa il sesto posto in classifica a quota 39, in molte non possono sentirsi completamente al riparo da sgradite sorprese visto che la quota salvezza potrebbe alzarsi. Esiste, però, anche la concreta possibilità che almeno uno degli spareggi playout non sia necessario visto che il vantaggio dell’Anziolavinio (ultima squadra al momento in zona playout a quota 33) sulla terzultima della graduatoria Progetto Sant’Elia (a quota 24) è di esattamente quei nove punti necessari per evitare eventuali code post season. Mentre attualmente la 15° in classifica Civitavecchia (31 punti) sarebbe costretta a disputare lo spareggio con il Cynthia 16° (27 punti).

Questi, però, sono discorsi prematuri visto che al termine della regular season mancano ancora sette giornate e sono ancora tantissimi gli scontri diretti che risulteranno determinanti per gli esiti della classifica. Dopo la vittoria con il Progetto Sant’Elia i bianconeri saranno chiamati ad una nuova battaglia contro la compagine tirrenica del Civitavecchia. Il ritorno al gol ed alla vittoria ha sicuramente portato una ventata di ottimismo e fiducia in casa bianconera, ma è solo un primo passo verso l’obiettivo della salvezza. Dopo un primo tempo troppo timido della compagine volsca, il gol allo scadere di frazione di Marco Parasmo ha completamente trasformato la squadra bianconera che, con merito, ha nel secondo tempo completato la remuntada. Decisamente positivo l’avanzamento di Rocco Giannone nella posizione di trequartista, con il giocatore romano che è stato molto più spesso nel vivo del gioco ed ha potuto fornire con maggiore assiduità l’ultimo passaggio per gli attaccanti. Anche l’accentramento di Marco Parasmo nel cuore dell’attacco bianconero ha certamente aumentato la pericolosità della manovra bianconera e, non è un caso, che sia stato proprio l’attaccante formiano a ristabilire la parità con una zampata da rapinatore d’area di rigore. Meritano, inoltre, una menzione particolare anche le prestazioni di Mario Sibilia ed Andrea Giordani. Il centrocampista fiuggino, al rientro dopo oltre un mese, ha offerto una prestazione stupefacente per intensità e disciplina risultando senza dubbio tra i migliori in campo. Determinante ai fini del risultato è stato anche il portiere Giordani che, con il suo autentico miracolo ad inizio ripresa, ha permesso ai suoi compagni di non soccombere nuovamente tenendoli in partita. La gara con il Civitavecchia assumerà un fascino ancora maggiore, non solo per ovvi motivi di classifica, ma anche per la diretta su Raisport1. Infatti il match sarà anticipato a sabato 24 marzo alle ore 14 per permettere la diretta Rai dell’incontro. Sarà per tutto l’ambiente bianconero una ribalta importante che sicuramente fornirà stimoli aggiuntivi alla squadra. Per l’incontro del “Fattori” mister Castiello recupera dalla squalifica Bellucci, mentre dovrà valutare attentamente le condizioni di Di Pietro e Campione. Nessuna possibilità di recupero, invece, per Carlo Baylon ancora alle prese con un lungo infortunio.

httpv://www.youtube.com/watch?v=dFdFkXykLzo

PROSSIMI AVVERSARI:
Il Civitavecchia occupa la quindicesima posizione a quota 31 e, con la vittoria a sorpresa di Fidene, ha rilanciato le proprie ambizioni nella ricerca della salvezza diretta. Per la sfida con i bianconeri il tecnico Sergio Pirozzi, tornato in sella dopo le dimissioni dell’ex giocatore di Lazio e Brescia Romano, dovrà sicuramente rinunciare all’infortunato Leonardo Mencio, ma recupera dalla squalifica il giovanissimo Francesco Brutti (’93). La compagine tirrenica finora tra le mura amiche del vetusto “Fattori” ha avuto un rendimento deludente conquistando solo 14 punti (frutto di 3 vittorie, 5 pareggi e 5 sconfitte) ma si è tolta la grande soddisfazione di battere la capolista Salerno. Per l’incontro con il Sora il tecnico romano dovrebbe scegliere il consueto modulo 4-2-3-1.

Tra i pali conferma scontata per l’ex portiere del Cassino Marco Apruzzese, mentre in difesa dovrebbero agire uno fra l’ex Cynthia Mario Di Ventura (’91) o l’ex San Cesareo Emanuele Simboli (’92) sulla destra, la coppia centrale formata dall’esperto Matteo Placida (per lui anche una fugace esperienza con la maglia del Sora) ed il colored Mbonde Ganjè, mentre sulla sinistra spazio per l’ex Frosinone Luca Cianfrocca (’93). Davanti la difesa dovrebbero disporsi il giovane Luca Di Dionisio (’92) ed il capitano Emanuele Palermo anche se scalpita per una maglia da titolare il forte ed esperto Nathan Schiavon. Dietro il pericolo numero uno Juarez (il Puma argentino è una vecchia conoscenza dei bianconeri), la batteria dei trequartisti dovrebbe essere composta dalla velocità dell’altro colored Ndao Papa, dall’estro del gioiellino ex Primavera dell’Inter Luigi Ruggiero e la freschezza del rientrante Francesco Brutti (’93).

Ufficio Stampa ASD Ginnastica e Calcio Sora

Commenti

wpDiscuz
Menu