10 novembre 2015 redazione@sora24.it
LETTO 5.341 VOLTE

44enne sorano tenta di suicidarsi nel Fibreno

Stava facendo una passeggiata a Broccostella, in compagnia della figlia di otto anni, il poliziotto, in servizio nella Capitale presso il Commissariato di Trevi, che domenica si è reso protagonista del salvataggio di un aspirante suicida. L’assistente Capo della Polizia di Stato nota un uomo che sta per scavalcare il parapetto di un ponte sul fiume Fibreno.

Compreso quanto sta per accadere non ha esitato un attimo e lo ha afferrati con decisione al torace. L’uomo, di corporazione molto robusta, ha tentato di divincolarsi per portare a termine l’insano gesto, rischiando di trascinare nel vuoto anche colui che vuole salvarlo. Fortunatamente, in quel momento, si trovavano a passare due persone che hanno aiutato il poliziotto a trattenerlo e farlo desistere dal suo intento.

Nel frattempo è intervenuta sul posto anche una pattuglia delle Volanti del Commissariato di Sora e personale sanitario del vicino nosocomio. Il quarantaquattrenne sorano, dopo essere stato riportato alla calma, ha raccontato agli agenti di aver prima tentato di impiccarsi ma che poi, non essendoci riuscito, aveva deciso di gettarsi nel fiume.

In merito alle motivazioni alla base del proposito suicida sono emerse problematiche connesse al suo stato di salute. Il sorano accompagnato presso il nosocomio di Sora è stato sottoposto ad un trattamento sanitario obbligatorio. A dover far ricorso alle cure dei sanitari anche l’agente della Polizia di Stato, con una prognosi di 10 giorni, per “distrazione della spalla, del gomito e del polso” riportata nella concitazione del salvataggio.

Commenti

wpDiscuz
Menu