11 luglio 2012 redazione@sora24.it
LETTO 583 VOLTE

AIPES: Operatrici dei 27 comuni del Sorano senza stipendio da Dicembre 2011. Martedì 17 Luglio protesta dinanzi il Comune

Nulla di fatto per le operatrici addette ai servizi sociali che fanno capo all’AIPES di Sora, Ente capofila di 27 Comuni del comprensorio sorano (Alvito, Arce, Arpino, Atina, Belmonte Castello, Broccostella, Campoli Appennino, Casalattico, Casalvieri Castelliri, Colfelice, Fontana Liri, Fontechiari, Gallinaro, Isola del Liri, Monte San Giovanni Campano, Pescosolido, Picinisco, Posta Fibreno).

Questo è l’esito dell’incontro che si è svolto ieri tra l’AIPES e le OO.SS. CGIL FP di Frosinone e USB lavoro privato, mentre si registrava l’assenza ingiustificata del Comune di Sora.

Questa è l’attenzione evidentemente riservata a lavoratrici che hanno percepito l’ultima retribuzione relativa al mese di dicembre 2011 materialmente solo alla fine di maggio u.s..

Dal tavolo di confronto non sono emersi elementi che lascino intravedere una soluzione positiva della vertenza a breve e questo, in primo luogo, a causa dei ritardi ormai pluriennali della Regione Lazio, che non ha ancora provveduto a liquidare all’AIPES circa 4.000.000 di euro pregressi, di cui addirittura 1.100.000 euro già materialmente anticipati dall’Ente.

E’ quindi ridicolo che la Regione Lazio dichiari in questi giorni a lettere cubitali sulla stampa l’impegno stanziato per milioni di euro per i Servizi Sociali, se nei fatti non liquida nulla delle somme impegnate, stanziate e anticipate dai diversi Enti Locali che concretamente erogano tali servizi all’utenza.

Questa inaccettabile situazione non è ulteriormente sostenibile dalla lavoratrici interessate, che da mesi e mesi non solo non percepiscono regolarmente lo stipendio, non solo devono quotidianamente fare fronte alle spese per campare, ma addirittura paradossalmente devono pure anticipare i soldi per svolgere il loro delicato lavoro e assicurare l’assistenza alle fasce più deboli della popolazione.

E’ evidente che la misura sia ormai colma e contro il disinteresse di tutte le Istituzioni coinvolte in questa delicata vertenza, la CGIL FP di Frosinone e l’USB Lavoro Privato, avendo già aperto nei giorni addietro la relativa procedura di raffreddamento, hanno deciso di proclamare una giornata di sciopero per martedì 17 luglio 2012, organizzando contestualmente un presidio di protesta dinanzi il Comune di Sora.

Beatrice Moretti per la CGIL FP di Frosinone e Severo Lutrario per la USB Lavoro Privato preannunciano inoltre l’intenzione delle lavoratrici di sospendere il servizio finchè non verrà sottoscritto con tutte le parti in causa un urgente ed indispensabile piano di rientro economico.

Frosinone Lì, 11/07/2012

CGIL FP
Moretti

USB Lavoro Privato
Lutrario

Commenti

wpDiscuz
Menu