venerdì 3 agosto 2012 redazione@sora24.it

ALVITO – Sabato 4 agosto, alle 18:30 secondo appuntamento di “Backstage”, gruppo di lettura del “Festival delle storie”

Sabato 4 agosto, alle 18:30, nella Sala Consiliare del Comune di Alvito, si terrà il secondo appuntamento di “Backstage”, gruppo di lettura del “Festival delle storie”, un spazio dove leggere, parlare di libri (da quelli di letteratura ai fumetti), dove misurare la temperatura della scrittura locale e confrontarsi su temi scottanti. L’appuntamento di sabato scorso ha visto protagonisti Vittorio Macioce, caporedattore del “Giornale” e John Domini, scrittore italo-americano con molti premi all’attivo e una nomination al Pulitzer. Sabato 4 agosto, si parlerà di alcuni scrittori che saranno presenti al “Festival delle storie” (www.festivaldellestorie.org): Santiago Gamboa, uno degli eredi di Gabriel Garcia Marquez; Bruno Arpaia, traduttore di Carlos Ruiz Zafòn, che nel suo ultimo romanzo, intreccia la letteratura con la Fisica; Gianfranco Calligarich, vincitore del Premio Bagutta 2012. Queste opere, insieme ad altre, saranno messe a disposizione per la consultazione e per il prestito. Ma ci si volterà anche verso la Valle di Comino, guardando ai suoi germogli. Per questo sarà presente un ospite speciale, nato e cresciuto ad Alvito, Giancarlo Villa, che nel 2010 ha pubblicato la sua prima opera, “La Volpe e i Leoni”. Si tratta di un romanzo a metà tra autobiografia e fiction, tra realismo e surrealismo. È il racconto di un viaggio nella Romania post-rivoluzionaria, tra motori e donne, alcool e sigarette. Il protagonista è un vero e proprio anti-eroe, sul modello dell’Arturo Bandini di John Fante: italiano, avido sognatore, inetto a vivere. In questa narrazione si innestano i temi cari a quasi tutta quella che è stata definita “Beat Generation”: lo scontro tra utilità e inutilità, tra eros e lavoro, tra immaginazione e razionalità. “Tu fai di ogni cosa un mito.(…) Alla tua mente non arriva la realtà, ma un’immagine distorta dalla tua fantasia”(p.161): è così che il protagonista viene redarguito da Vittorio, suo compagno di viaggio, più o meno immaginario, forse la sua (in)coscienza.

Per aggiornamenti in tempo reale: https://www.facebook.com/groups/264239103680095/

Commenti

wpDiscuz
Menu