26 maggio 2012 redazione@sora24.it
LETTO 776 VOLTE

ATINA JAZZ 2012 – In arrivo dagli Usa i mitici “Manhattan Transfer”! Nel programma della rassegna, prevista anche una tappa a Sora.

La sala di rappresentanza della Banca Popolare del Cassinate, sede di Cassino, ha ospitato, ieri pomeriggio, la conferenza stampa di presentazione di uno degli avvenimenti di maggiore richiamo del calendario artistico e culturale dell’estate frusinate: la rassegna Atina Jazz. La manifestazione si caratterizza per la capacità di saper fondere, in un unicum straordinario, l’ottima musica interpretata da artisti di grande nome e appeal internazionale, con la promozione e la valorizzazione dei luoghi più belli di due province: Frosinone e Latina.

L’evento musicale, giunto ormai alla ventisettesima edizione, è organizzato dalla Comag Sales, con la direzione artistica di Maurizio Ghini, e il sostegno della Provincia di Frosinone, Assessorato alla Cultura, della Presidenza del Consiglio della Regione Lazio e con la collaborazione dei comuni di Atina, Fiuggi, Gaeta, Sora e Terracina. In più, l’aiuto di molti sponsor, tra i quali spicca proprio la Banca Popolare del Cassinate.

Presenti alla cerimonia di presentazione del calendario della manifestazione, curatissima nei particolari e nel materiale distribuito alla stampa, il direttore artistico della rassegna Maurizio Ghini, il presidente della Banca Popolare del Cassinate Donato Formisano, il sindaco di Atina Fausto Lancia, con l’assessore Di Paolo e l’assessore provinciale alla cultura Antonio Abbate.

Due le caratteristiche della rassegna 2012. La prima, l’attenzione nei confronti dei giovani musicisti, con la presenza di 30 ragazzi provenienti da tutto il mondo che parteciperanno al primo Campus della musica dal 20 al 29 luglio. In quelle giornate le piazze e le strade di Atina saranno invase dall’entusiasmo e dall’allegria di giovani provenienti dal Canada, Irlanda, Germania, Svezia, Portogallo e Finlandia che si uniranno con i ragazzi italiani per seminari, lezioni di musica, di italiano/inglese, concerti.

La seconda caratteristica dell’edizione 2012, lo svolgimento itinerante della rassegna. Tre le fasi previste: dal 29 giugno all’8 luglio “Atina Jazz al mare”, a Gaeta e Terracina; dal 13 al 19 luglio “Atina Jazz anteprima”, a Fiuggi e Sora e dal 20 al 29 luglio “Atina Jazz Summer 2012”, ad Atina. Asi quartet, Gerardo Casiello e il duo Giovanni Guidi al pianoforte e Gianluca Petrella al trombone a Gaeta e P-Funking Band e il duo Rea-Pietropaoli, i protagonisti di Atina Jazz al mare.

P-Funking band, Sarah Jane Morris, Ray Gelato; Fulvio Sigurtà e Claudio Filippini, i protagoinisti di Atina Jazz anteprima a Fiuggi.
Mario Romano ed Enrico Rava; Dado Moroni e Max Ionata; Stefano Bollani e Hamilton de Holanda; Julien Colarossi; Chihiro Yamanaka trio; Ray Hargrove; Jam Obsessione con Caludio Coccoluto, Luca Aquino e Enzo Pietropaoli e conclusione con Manhattan Transfer: i protagonisti di Atina Summer 2012.

Atina Jazz – ha dichiarato l’assessore Abbate – costituisce da sempre una delle migliori espressioni della cultura e dell’arte della provincia di Frosinone. Una formula innovativa, caratteristica, ormai un vero e proprio brand per il pubblico.
Gustare gli spettacoli proposti da Atina Jazz significa, infatti, non solo immergersi nella musica di alto livello, grazie al talento degli interpreti, ma anche conoscere scenari sempre suggestivi e accattivanti. Un modello virtuoso che è in piena sintonia con i ‘desiderata’ perseguiti dalla Provincia nella propria azione amministrativa: utilizzare la cultura come volano di crescita anche economica del territorio, non disgiungendo tale importante obiettivo da quello, altrettanto nobile, della crescita sociale.

Con queste caratteristiche Atina Jazz e i suoi organizzatori, in particolare Maurizio Ghini, onorano e attualizzano l’intuizione dell’inventore della rassegna Vittorio Fortuna, quale doveroso tributo alla sua memoria. Per tutti questi motivi, la Provincia di Frosinone, pur in un periodo di grande sofferenza economica per le istituzioni, non farà mancare il proprio contributo, che è un contributo alla valorizzazione di un intero territorio”.

httpv://youtu.be/6lgX0YrCNYU

Commenti

wpDiscuz
Menu