24 maggio 2013 redazione@sora24.it
LETTO 505 VOLTE

Bello sentire e capire il significato di semplici ma profonde parole (di Raffaele Sciarretta)

Normali concetti, che a volte sembrano così lontani da una realtà basata essenzialmente sull’insignificante materialità delle cose. E’ questo primo pensiero, fatto di semplicità e purezza, che rappresenta l’ispirazione del nuovo libro di Bruno La Pietra.

Una cosa che mi ha colpito è stato il fatto di vedere in Bruno, il desiderio, poi divenuto realtà, di vivere in prima persona momenti ed attimi di vita quotidiana semplice a Canceglie. L’altro giorno Bruno mi chiamò e mi disse di recarmi da lui, pioveva, un giorno normale per lui e nonostante ciò, mentre era nel suo ufficio, presenziò a due visite di suoi vicini per motivi futili ma bellissimi, come la stampa di una foto e la scrittura di un bigliettino di auguri. Non so per voi, ma per me tutto questo è stato bellissimo. La serenità e la gioia di vivere si misurano anche da queste cose.

Nella prefazione del libro ho letto quel che l’amico di Bruno gli disse dopo aver trovato il libricino di Francescantonio Biancale: “… la robba è di chi la capisce, no di chi la tè …”, tutto ciò è vero!

Vorrei dire a Bruno La Pietra, GRAZIE, per il suo entusiasmo, per il suo innato amore per la poesia, per il suo fervore, per aver fatto conoscere un altro grande del territorio Sorano. Sora24 vuole esprimere, con la promozione di questo progetto, il pieno appoggio all’iniziativa, al fine che la stessa possa essere da sprono per sempre nuove attività culturali.

Non mancano a Sora dei veri “artisti”, ma manca la loro aggregazione, la loro consapevolezza. Il fatto che a volte si guardino delle opere che hanno quel non so che di particolare e alla frase “sei stato bravissimo!” ti senti spesso rispondere “ma non è niente… l’ho fatto io”, ne è purtroppo la riprova.

Raffaele Sciarretta – Sora24

Commenti

wpDiscuz
Menu