Pubblicità

Biosì Indexa Sora sconfitta a Verona, ma i bianconeri lottano con onore e conquistano un set

Pubblicato ildomenica 30 ottobre 2016   
Pubblicità

La BioSì Indexa Sora non si lascia spaventare neanche dall’esperienza e dal livello tecnico della Calzedonia Verona, squadra che finora in campionato ha perso solamente un tie break ai vantaggi, e stasera all’AGSM Forum di Verona riesce a mettere in discussione anche questa formazione che comunque si impone per 3-1. A valere, più delle tasche vuote di punti, la soddisfazione della battaglia, con un match aperto decisamente sottotono accusando forse anche la mancanza di capitan Rosso rimasto a Sora a recuperare dal piccolo infortunio subito domenica contro Monza, ma che poi nel terzo e quarto set si alzato su livelli davvero importanti.

Pubblicità

Negli ultimi due parziali infatti i volsci sono scesi in campo senza sottovalutare nessun atleta dell’importante team avversario e, ponendo la giusta attenzione su ogni individualità e in ogni reparto, hanno fatto il loro gioco a braccio sciolto unendolo a quella giusta dose di rischio che solo gli audaci sanno prendersi, che gli ha permesso di tenere testa agli scaligeri.

Alla vigilia del match il risultato non era affatto scontato perché, se prima Sora era la neopromossa dal gruppo giovane, il duro rodaggio fatto nelle prime quattro gare di campionato ha mostrato a tutti stoffa, carattere e talento, tutto ben gestito e sfruttato dal coach “dei miracoli” Bagnoli, come lo hanno soprannominato proprio a Verona durante la sua lunga permanenza in panchina, che oggi lo ha omaggiato prima dell’inizio del match.

“Al di là del risultato abbiamo giocato un’ottima pallavolo – dichiara a fine match mister Bagnoli -. La Calzedonia ha avuto il merito, soprattutto nel quarto set, di riuscire a muro. Noi abbiamo avuto una buona reazione dopo i primi due set quando eravamo in difficoltà e siamo riusciti a reagire. L’ingresso di De Marchi ci ha aiutato, ha dato man forte a Miskevich e l’attacco é andato meglio, abbiamo tenuto bene il campo. Dobbiamo essere soddisfatti della qualità del gioco e ripartire da lì per affrontare al meglio le squadre del nostro livello”.

Allo starting players la guida tecnica locale, mister Giani, per affrontare Sora mette in campo la diagonale Baranowicz-Djuric, la coppia italiana di posto 3 Anzani-Mengozzi, gli schiacciatori Ferrira e Kovacevic, e Giovi libero.

Deve rinunciare al suo sestetto tipo invece coach Bagnoli che deve fare a meno del suo capitano Rosso rimasto a Sora a recuperare dal piccolo infortunio subito la scorsa domenica al PalaGlobo contro Monza, così schiera Seganov in cabina di regia opposto a Miskevich, Kalinin e Tiozzo come martelli-ricettori, Gotsev e Mattei al centro della rete, e Santucci libero.

Il ritrovato Kovacevic apre il match con un servizio insidiosissimo che, aiutato dai muri dell’ex Anzani a bloccare le intenzioni offensive sorane, fa segnare subito il 5-0. Ferma il gioco coach Bagnoli ma alla ripresa i suoi ragazzi trovano spazio solo per un punto a punto che non sblocca la situazione ma accompagnando il set fino al 13-7. Mengozzi e Ferreira mettono a segno il break positivo che vale per il Blu Volley il +7 del 16-9, prova Miskevich a spronare i suoi compagni ma dopo qualche bella giocata che vale il 18-13 sale in cattedra Kovacevic che con giocate di astuzia fa salire il tabellone fino al 23-15. Seganov riesce a far girare meglio i suoi attaccanti e Sora prova a salvare il salvabile, ma dopo 4 belle giocate il set si chiude sul 25-19.

Il secondo game si apre come il precedente, con il 5-1 dei padroni di casa trasformato nell’8-2 dall’ace di Mengozzi e da qualche errore sorano di troppo. Gotsev in battuta, Mattei a muro e Miskevich in attacco accorciano le distanze fino al 9-6 ma Anzani lavora bene per il cambio palla e per allungare il parziale positivo che riporta i suoi avanti 13-6. Prova a resistere la BioSì Indexa ma non riesce a fare il suo gioco così, dopo il 18-13, la contesa sale velocemente sul 22-14. L’ultimo urlo è sempre quello dell’opposto Miskevich che sulla rete e dai nove metri realizza gli ultimi due punti del set che dopo il muro di Anzani ai danni di Kalinin, si chiude con l’ace del solito Kovacevic 25-16.

Sembra aver ritrovato un po’ di vitalità il sestetto di coach Bagnoli in avvio del terzo game con un 3-3 che però disfa con qualche ingenuità. Ne approfittano subito Mengozzi e Djuric per il 9-4 e Ferreira per l’11-7. Miskevich riporta la battuta nei suoi nove metri e la consegna nelle mani del suo palleggiatore che resterà in posto 1 per ben 5 turni i quali porteranno per la prima volta la BioSì Indexa in vantaggio 11-13. Gotsev inchioda sulla rete prima Anzani e poi Ferreira, è il suo momento questo, e ben servito da Seganov mette a segno davvero delle belle giocate utili a dare anche tanto coraggio ai suoi. Sulla rete si fa vedere e sentire anche Cico De Marchi subentrato a Tiozzo, e il set continua a viaggiare palla su palla fino al 20-21 quando il muro di Mattei a bloccare le intenzioni di Djuric segna il +3 ospite del 20-23. Richiama i suoi ragazzi coach Giani ma Sora, dopo la battuta a rete di Ferreira, ha 3 possibilità set con il 21-24. Kovacevic annulla la prima e Anzani la seconda ma ci pensa l’opposto bianco-nero a riaprire il match con l’attacco che vale il 23-25 e il 2-1 in fatto di conteggio set.

Finalmente equilibrio in campo a favore dello spettacolo e del livello del gioco. Dopo l’ace di Miskevich il tabellone segna il 4-5 con le squadre in campo che cominciano a giocare a guardia e ladri scappando e si inseguendosi. 11-11, Djuric mette a segno un mini break per il 14-11, Mattei mura Kovacevic per il 14-13 e Kalinin vince il contrasto a muro con Baranowicz per la parità del 16-16. L’opposto scaligero rimette Verona avanti di +3 ma le magnifiche difese di Santuccio permettono a Seganov di servire le sue bocche da fuoco per la nuova parità del 22-22. Mattei palleggia dietro per Miskevich che regala ai suoi due palle set ma Djuric porta l’AGSM Forum ai vantaggi. Le squadre battagliano in campo per avere la meglio e il tabellone segna il 26-26. È ancora la firma dell’opposto ex Trento a ferire Sora che purtroppo saluta la gara sul 28-26 dopo il muro di Mengozzi.

CALZEDONIA VERONA – BIOSÌ INDEXA SORA 3-1

CALZEDONIA VERONA: Baranowicz 1, Djuric 20, Mengozzi 10, Anzani 9, Kovacevic 22, Ferreira 11, Giovi (L), Paolucci, Lecat 1, Zingel, Holt n.e, Frigo (L) n.e., Stern 2. I All. Andrea Giani; II All. Matteo De Cecco. B/V 7; B/P 16; Muro 12.

BIOSÌ INDEXA SORA: Seganov 3, Miskevich 23, Kalinin 6, Tiozzo 3, Gotsev 12, Mattei 9, Santucci (L), Marrazzo, Sperandio, De Marchi 6, Lucarelli n.e., Corsetti (L) n.e., Mauti n.e.. I All. Bruno Bagnoli; II All. Maurizio Colucci. B/V 6; B/P 16; Muro 7.

ARBITRI: Satanassi Omero, Florian Massimo.

ADDETTO AL VIDEO CHECK: Spiazzi.

SEGNAPUNTI: Bassetto.

PARZIALI: 25-19 (’21); 25-16 (‘22); 23-25 (’27); 28-26 (’33).

MVP: Kovacevic.

SPETTATORI: 3.127.

Carla De Caris – Responsabile Ufficio Stampa BioSì Indexa Sora

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
ANNUNCI GRATUITI
Menu
Ciociaria24 Verdana Srl 800-090501 info.ciociaria24.net