12 giugno 2012 redazione@sora24.it
LETTO 331 VOLTE

CALCIO: CASSANO "GAY? PROBLEMI LORO, UN DELITTO VENDERE THIAGO SILVA"

CRACOVIA (POLONIA) (ITALPRESS) – “Ero molto emozionato prima della partita contro la Spagna, perche’ non pensavo di giocare questo Europeo”. Con queste parole un simpatico Antonio Cassano ha risposto alle domande dei giornalisti durante la conferenza stampa di questo pomeriggio a Cracovia, sede del ritiro azzurro in
Polonia. “Credo di essere stato molto fortunato”. Cassano torna sulle sue condizioni di salute dopo il lungo stop di oltre 5 mesi. “All’inizio non volevo parlarne, ma poi ho assorbito bene. Mi sono molto spaventato per quello che mi e’ successo. Quando arrivi a un certo punto, tutto ha un peso diverso. Oggi stai bene e domani non si sa. Sono stato graziato anche se non sono credente. Per me era importante star bene fisicamente e oggi sono qui. Adesso e’ importante ritrovare i 90 minuti sulle gambe. Sicuramente piu’ mi alleno e piu’ riusciro’ a giocare, ma per adesso mi accontento di
fare anche 70 minuti al top”. A proposito delle parole di Cecchi Paone sulle statistiche che parlano dell’omosessualita’ nel calcio Cassano va giu’ duro:“Se dico quello che penso succede un casino. Ci sono froci nello spogliatoio? Sono problemi loro e non mi
riguarda”. In serata poi la precisazione:“L’omofobia è un sentimento che non mi appartiene, non volevo offendere nessuno e non voglio mettere in discussione la libertà personale delle persone”. Interpellato sul rapporto con Balotelli Cassano trova, come spesso fa, il modo di scherzare con i giornalisti. “Con Mario ho un buon rapporto. Mi hanno detto che devo fargli da tutor. Immaginate come stiamo messi? E’ normale che non avendo mai giocato insieme dobbiamo conoscerci e possiamo solo migliorare”. L’attaccante azzurro si sofferma anche sull’episodio del gol mancato proprio da Balotelli. “Mario voleva passare, ma non si aspettava di essere recuperato da Sergio Ramos. Io avrei passato”. Il giocatore pugliese dice anche di essere molto dispiaciuto per l’assenza di Giuseppe Rossi e parla anche di Di Natale, autore del gol contro la Spagna. “L’unica cosa che mi dispiace e’ non avere Giuseppe Rossi. Quanto a Toto’, sono contento per lui perche’ gli voglio bene. Io lo chiamo “il cecchino”, perche’ quando gli dai mezza palla riesce a fare sempre gol”. Soffermandosi poi sugli obiettivi azzurri per questo Europeo, Cassano molto diplomaticamente non si sbilancia piu’ di tanto. “L’Italia parte tra le favorite. La cosa importante e’ andare per la nostra strada e cercare di andare piu’ lontano possibile. La squadra ha senz’altro le qualita’ per farlo”. L’attaccante azzurro parla anche di calciomercato e apprendendo della probabile cessione di Thiago Silva si mostra preoccupato soprattuto per gli obiettivi dei rossoneri della prossima stagione. “Dar via Thiago e’ dura, sarebbe un delitto perche’ e’ impossibile da sostituire. L’importante e’ essere chiari su cosa bisogna lottare l’anno prossimo. Thiago e’ il 50% della nostra squadra. Dipendesse da me non lo venderei mai. Credo che anche Ibra rimarrebbe male della cessione di Thiago Silva e sono certo che quando vorra’ dire qualcosa sull’argomento la dira’ in modo diretto”. Lasciando intendere di non essere certo di rimanere al Milan Cassano parla anche della sua esperienza con la Sampdoria. “Ho un sogno nel mio cuore sperando che un giorno si avveri, ma non lo diro’ qui. La Samp rimane sempre nel mio cuore, e’ stata l’esperienza piu’ grande della mia vita”. In vista dell’incontro di giovedi’ Cassano parla anche degli avversari croati. “Con la Croazia cercheremo di fare risultato pieno, per chiudere fin da subito il discorso qualificazione”.

Fonte: www.italpress.com

Commenti

wpDiscuz
Menu