13 settembre 2012 redazione@sora24.it
LETTO 1.083 VOLTE

CALCIO SERIE D – Il Sora fa visita al Cynthia di Sandro Pochesci

E’ stata un’estate difficile quella vissuta in casa genzanese. Dopo la cocente delusione della retrocessione della scorsa stagione subita ai play-out contro il Palestrina, la compagine castellana è subito ripartita con rinnovato entusiasmo ma ha dovuto patire fino all’ultimo giorno utile per sapere quale categoria dover affrontare. Essendo la prima squadra non ammessa tra quelle ripescabili, ha dovuto attendere il numero delle squadre iscritte in sovrannumero e, solo per garantire il numero di squadre pari in tutti i gironi, è stata ammessa nel campionato di serie D. Però l’inevitabile ritardo con cui si è stati costretti a partire lo si sta scontando in questo primissimo scorcio di stagione dove gli uomini di mister Pochesci hanno dovuto subire due sconfitte. Ma bisogna diffidare dello 0 in classifica della Cynthia perché le due sconfitte in campionato sono maturate con due squadre partite con chiare ambizioni di primato (Sarnese e Lupa Frascati) e soprattutto sempre nei minuti finali quando, evidentemente, il ritardo di condizione dei genzanesi è risultato determinante.

LA SQUADRA  – I romani sono ancora in fase di assemblaggio, mister Sandro Pochesci è ancora alla ricerca della quadratura del cerchio e vigile sul mercato per puntellare una rosa ancora incompleta. Anche il modulo di riferimento è spesso cambiato in queste prime gare stagionali anche se, in questo momento, il classico 4-4-2 sembra essere quello che garantisce maggiore equilibrio. Tra i pali si sono avvicendati l’esperto Gianluca Di Gennaro, ex Primavera della Sampdoria e con esperienze in Lega Pro con Valenzana e Lumezzane, e migliore in campo nella trasferta di Frascati ed il giovane età di lega Stefano Del Duchetto (’92) lo scorso anno estremo difensore del Palestrina. La difesa è imperniata su elementi di assoluta esperienza come Mirko Mancini, lo scorso anno a Frascati ma con curriculum importante anche in Lega Pro con le maglie della Lodigiani e della Nocerina, l’ex sorano Carlo Baylon ed il capitano ex Monterotondo e Pomezia Riccardo Martorelli. Completano il reparto i giovani Luca Caparotta (’94), Matteo D’Orazi (’93), D’Auria (’92) ed all’occorrenza il fedelissimo di Pochesci Loris Traditi (’93) che però predilige la posizione di centrocampista.
In mezzo al campo il tecnico di Torbellamonaca recupera l’altro ex di turno Roberto Piccolo che ha scontato due turni di squalifica (uno retaggio dello scorso campionato ed uno inflittogli per la famosa vicenda dell’aggressione all’ex presidente del Sora Paoloni) e che potrebbe fare l’esordio proprio con la sua ex squadra. L’elemento di spicco e di riferimento del centrocampo della Cynthia è sicuramente Felice Prevete che, dopo essere stato sedotto e abbandonato dall’Ischia di Campilongo, ha deciso di seguire il suo ex allenatore dopo la stagione con la Monterotondo Lupa. Completano il reparto gli esterni Daniele Bosi, lo scorso anno all’Astrea ed elemento molto rapido e pericoloso, l’ex Giulianova Fabio Gubinelli, l’esperto Massimo Ciotti lo scorso anno al San Cesareo ed i giovani Alessandro Tetti (’94), Alessandro Vona (’93), Alessandro Frau (’93) mentre dovrebbe essere out per infortunio il bravo Tommaso De Angelis (’93). In attacco dopo la recente partenza del “Cobra” Gaetano Romano e le precarie condizioni fisiche dell’ultimo acquisto, il brasiliano ex Foggia e Cavese in Prima Divisione Wilson Cruz, le scelte per mister Pochesci dovrebbero essere obbligate. Il tecnico romano dovrebbe confermare al centro dell’attacco il prestante Francesco Costantini, giocatore troppo spesso bloccato dagli infortuni ma molto abile nel far salire la squadra e nel giocare spalle alla porta, ed il veloce ex Primavera del Vicenza e del Gubbio Riccardo Montesi (’93), ma non è escluso che in settimana possa arrivare un attaccante di categoria a rinforzare un reparto troppo “leggerino” per un campionato così difficile.

L’ALLENATORE  – Alla guida dei genzanesi c’è il grande ex dell’incontro Sandro Pochesci. Osannato e stimato per il ricordo che aveva lasciato da calciatore con la maglia sorana, i rapporti tra il tecnico e la tifoseria sorana si sono fatti tesi due stagioni fa quando la lotta al vertice tra Lupa Frascati e Sora, ma soprattutto tra lui e l’ex tecnico bianconero Pasquale Luiso, si era inasprita sia sul rettangolo di gioco sia sulle pagine dei giornali con dichiarazioni al vetriolo. Oltre ad un carattere sicuramente fuori dagli schemi, il tecnico di Torbellamonaca è senza dubbio uno dei tecnici più validi e preparati dell’intera categoria. Ha guidato il Monterotondo, il Guidonia, la Viterbese, la Lupa Frascati, il Monterotondo Lupa ed ha anche avuto la grande chance del salto nei professionisti con l’Olbia in Seconda Divisione.

Commenti

wpDiscuz
Menu