mercoledì 14 maggio 2014 redazione@sora24.it

«C’è chi, nella maggioranza, dichiara che Sora sia una città allo sfascio!»

Gli anni bui volgono al termine, Sora è pronta a rinascere! Per chi ancora non lo sapesse, il nuovo consigliere comunale, Alessandro Mosticone, è pronto a caricarsi sulle spalle questa città disastrata e ad attraversare il doloroso guado della crisi fino a quando saremo pronti a spiccare il volo. Sono queste, infatti, le impressioni che abbiamo ricavato dalle sue prime affermazioni e dai suo iniziali intendimenti all’interno dell’Assise cittadina. Ciò che stupisce di più, tuttavia, è il fatto che lui stesso abbia ammesso che Sora è praticamente alla deriva. Dunque, facciamo ordine: un nuovo membro della maggioranza fa il suo ingresso in Consiglio comunale e, dopo poco, esordisce dicendo che la città è allo sfascio. Chi ci capisce qualcosa alzi la mano!

Specifichiamo: nulla contro l’entusiasmo di coloro che si accingono a prendere parte alla vita pubblica (ce ne fosse stato un pizzico in più, forse i disastrosi risultati di questa amministrazione non sarebbero stati così evidenti) ma un po’ più di realismo non guasterebbe di certo. Come può Mosticone, che peraltro siede tra i banchi della maggioranza e quindi si suppone approvi l’operato amministrativo, dichiarare di vedere Sora precipitata nel degrado e, di conseguenza, tentare di risollevarla? Per farlo, questo è chiaro anche ad un bambino, non avrebbe altra scelta se non quella di porsi in direzione ‘ostinata e contraria’ rispetto a quanto stanno (non) facendo il sindaco Tersigni, la sua giunta e la sua maggioranza, collocandosi di fatto al di fuori dello schieramento nel quale si trova oggi. Del resto, Mosticone per primo si è reso conto della drammatica situazione della città.

E allora, con più probabilità, conviene non esaltarsi troppo e rimanere con i piedi per terra. Il cambio forzato in seno alla maggioranza consiliare, purtroppo per tutti noi, non porterà risultati apprezzabili dal punto di vista dei programmi concreti. Tra le altre cose, poi, stiamo parlando di un homo novus che, a dirla tutta, tanto novus non è, visto che già può contare su incarichi di partito ed ha spesso gravitato in ambienti amministrativi. Chissà quale sarà la prima questione che vorrà affrontare il nuovo Consigliere, l’Ambiente forse? Nulla di nuovo sotto il sole, dunque! Auguri a Mosticone, che presto crediamo dovrà spegnere i suoi entusiasmi e, forse, rimangiarsi qualche parolina un po’ troppo rivoluzionaria. A noi, come alla grandissima parte dei cittadini, non resta che proseguire in apnea il conto alla rovescia fino al 2016.

Gruppo politico Insieme per Sora

Commenti

wpDiscuz