5 aprile 2014 redazione@sora24.it
LETTO 1.830 VOLTE

Ci scrive una studentessa sorana: «Signori del Comune, è questa l’eredità che volete lasciare?»

«Ieri una mia collega universitaria di Pompei, presa dall’enfasi e dall’ardore con cui le parlavo di Sora, a fine conversazione mi ha detto: “Mi hai convinto! Un giorno di questi devi portarmi a vedere Sora!”. Io felicissima subito ho acconsentito, ma poi mi sono chiesta: Cosa le faccio vedere? Le strade semidistrutte, i marciapiedi ridotti a parcheggi, il fiume sporco e non curato, ecc.? A quel punto mi è sceso sul volto un velo di tristezza.

Piuttosto che acquistare ed installare i “dissuasori di velocità”, non sarebbe stato più logico  AGGIUSTARE PER BENE le strade o magari dare una ripulita al letto del fiume? Non oso immaginare veramente cosa succederà se andrà in porto il progetto del Liri navigabile: saremo invasi da zanzare ed avremo un fiume pieno di melma. Mi sorge quindi una domanda: ma i signori che si trovano al Comune, veramente vorranno essere ricordati negli anni per questo? Come ben illustrava un articolo dei giorni scorsi, non abbiamo un teatro, un cinema, non abbiamo più niente! È veramente questa l’eredità che volete lasciare ai vostri figli e nipoti?

Non incolpate il fenomeno crisi, perché i soldi a quanto pare ci sono, il piccolo particolare è che vengono spesi male. Siete stati eletti da noi cittadini per far risplendere Sora, ma più passa il tempo e più invece si raschia il fondo. Ascoltatele le critiche dei cittadini! Non siate sordi! E ricordate: “La democrazia è il governo del popolo, dal popolo, per il popolo!”»

Commenti

wpDiscuz
Menu