3 aprile 2015 redazione@sora24.it
LETTO 2.538 VOLTE

Ci siamo: Giovedì 30 aprile la “Mamma” dei Sorani riabbraccerà i suoi figli

Siamo quindi arrivati alla fine dei lavori. La chiesa della Madonna delle Grazie torna ad essere un punto di riferimento, di preghiera e di fede per l’intero territorio; continuerà, così, a manifestarsi, ora nel suo pieno splendore, come uno dei luoghi di culto più cari ai sorani. Per l’occasione una solenne funzione religiosa, presieduta dal vescovo, mons. Gerardo Antonazzo, si terrà giovedì 30 aprile 2015 alle ore 18.30, presso la chiesa di S. Restituta. Seguirà, con una fiaccolata, la ricollocazione della Statua della Madonna presso la sua sede naturale, lassù in cima alla collina che domina Sora.

I preparativi, per dare un significativo e degno risalto all’evento, sono già iniziati. L’entusiasmo è palpabile, misto ad una comprensibile soddisfazione per un impegno così importante, difficile, delicato e complesso, ma portato a termine nel migliore dei modi. Con il contributo determinante di tantissime persone, enti, istituzioni, associazioni, aziende del territorio e semplici cittadini. Una risposta corale che ha fatto onore ai sorani, qui residenti ed a quelli che vivono all’estero.

Tutto l’interno della Chiesa è completo; si sta solo ultimando e verificando l’impianto elettrico; si vanno completando anche i lavori dei locali annessi e si sta mettendo mano alla sistemazione esterna. Un invitante gioiellino ed un’oasi di pace e di serenità. Ultimamente si è avuta anche la visita dei tecnici della Sovrintendenza che hanno espresso molta soddisfazione per i lavori svolti.

E anche alla luce di questa importante verifica, bisogna dare atto che l’impresa esecutrice, sotto la guida personale e costante del titolare, il geom. Loreto Nicoletti, del figlio, il geom. Alessandro, e con l’impiego di manodopera, altamente specializzata, sta portando a termine questo delicato lavoro di restauro. Per la riapertura ufficiale della chiesa della Madonna delle Grazie il “Comitato sorano” ha invitato anche tutti gli amici del “Comitato canadese” che, è opportuno ricordarlo, validamente costituito nella città di Vaughan, si è occupato della notevole raccolta dei fondi degli italiani d’oltreoceano.

Riprenderà quindi regolarmente anche la tradizionale frequentazione della Chiesa da parte dei fedeli per il prossimo mese di maggio, vecchia ed antica tradizione che ci era mancata per due anni. Desideriamo mettere in risalto come l’ intera operazione è stata gestita in maniera accorta e pianificata in tutti i dettaglied i risultati sono davanti agli occhi di tutti. Gli obiettivi sono stati raggiunti. L’intera città di Sora è stata protagonista attiva del restauro: ognuno come ha potuto. Tanti piccoli e grandi gesti, moltissime storie di speranze e di sacrifici che,insieme, hanno portato a questa felice ed efficace conclusione. Ed il 30 aprile Sora intera è invitata a partecipare alla riconsegna della “propria” chiesa della Madonna delle Grazie. Sarà un’occasione di festa, di gratitudine e di preghiera.

Gianni Fabrizio

Commenti

wpDiscuz
Menu