21 novembre 2011 redazione@sora24.it
LETTO 893 VOLTE

Conca di Sora: Prospero vince e Rea spera nel Tar

Vince Angelo Prospero (Pd) le elezioni che si sono svolte ieri 20 novembre. La sua lista infatti ha ricevuto quasi 1500 preferenze, ma la rielezione del presidente uscente del consorzio di bonifica Conca di Sora è sub iudice perché la Confagricoltura ricorre al Tar per contestare l’annullamento dell’unica lista concorrente, quella in cui figura l’ex assessore pidiellino Giorgio Rea.

Intanto ieri, nonostante la presenza di una sola lista in concorso (Terra Amica di Cia e Coldiretti che sostiene Prospero) l’affluenza dei contribuenti residenti negli 8 comuni del sorano interessati è stata ottima. Tante persone si sono recate alle urne dalle 8 di mattina alle 20 di sera domenica scorsa per votare il nuovo Cda dell’ente che a sua volta eleggerà il proprio presidente. In molti sorpresi per la lista unica, altri chiedendosi se non ci sarà bisogno di un replay. L’escluso Giorgio Rea infatti non molla e ha già annunciato di rivolgersi al Tar per annullare le votazioni di domenica 20 novembre, dopo che la sua lista non è stata inserita nelle elezioni di ieri nonostante l’appello presentato al Tribunale di Cassino.

Rea, silurato dalla giunta di centro destra Tersigni anche per la sua decisione di candidarsi alla presidenza della Conca di Sora, in una nota spiega che “il Tribunale di Cassino si è espresso dichiarando la sua non competenza a decidere in materia e rinviando la stessa al Tar a cui prontamente lunedì (oggi ndr) verrà presentato il ricorso che, siamo fiduciosi, porterà all’annullamento di queste elezioni e la conseguente convocazione di un’altra data per le votazioni, dove le liste in campo saranno più di una e dove tutti i cittadini dei comuni che fanno parte della Conca potranno esprimere liberamente il proprio diritto a scegliere”, scrive l’ex assessore ai lavori pubblici di Sora Giorgio Rea che conclude: “Confido ancora nelle istituzioni”. Ma il suo avversario, il bersaniano Prospero, da 15 anni di fila alla guida del consorzio di bonifica sorano – e appoggiato in questa elezione anche dalla maggioranza di centro destra guidata dal sindaco di Sora Ernesto Tersigni – gela Rea: “Il ricorso della lista di Confagricoltura al Tar è fuori tempo massimo. Le elezioni di domenica 20 novembre sono valide. Dopo l’esclusione stanno solo facendo confusione. Ma io sono tranquillo”, conclude Angelo Prospero. Che ora, dopo aver corso da solo alla presidenza dell’ente, aspetta solo l’iter burocratico che lo riconfermerà alla guida della Conca di Sora con Mimmino Di Pucchio, 87enne padre dell’assessore al billancio di Sora Agostino Di Pucchio (Pdl), suo vice. Di contro il defenestrato Rea attenderà la decisione del Tar sperando nel ribaltone.

Il Direttore responsabile di Sora24 – SACHA SIROLLI  

Commenti

wpDiscuz
Menu