27 aprile 2012 redazione@sora24.it
LETTO 956 VOLTE

Consiglio Comunale: l’opposizione punta tutto su antenna telefonica e Caschera

Ci si aspettava, si, un consiglio comunale prolungato ed oggetto di controversie, ma, a quanto pare, a suscitare polemiche e “paroloni” non è stato il punto all’ordine del giorno in merito al quale, nei giorni precedenti, si è argomentato molto sugli organi di stampa locale, ovvero il rinnovo del CdA della Società Farmacia Comunale S.p.A., bensì argomenti quali l’installazione del nuovo impianto di telefonia cellulare su terreno privato in zona Mezzano ed il passaggio del Consigliere Lino Caschera in maggioranza.
In riferimento al primo punto il Sindaco Ernesto Tersigni dichiara quanto segue: <<Le polemiche aizzate in merito al posizionamento dell’antenna telefonica da parte della Ericsson S.p.A. sembrano quasi essere il pretesto per fomentare una squallida campagna contro l’attuale maggioranza.
Il Comune proporrà, nei termini previsti, ricorso al Presidente della Repubblica, come consentito dalle norme vigenti. Nella malaugurata ipotesi che anche tale ricorso possa essere respinto, l’Amministrazione Comunale valuterà l’ipotesi di stipulare una convenzione con l’Università degli Studi di Cassino per predisporre un piano finalizzato a monitorare periodicamente l’emissione delle onde elettromagnetiche, a tutela dei residenti nelle zone limitrofe agli impianti di telefonia. Chiaramente non è mia intenzione mettere a rischio la salute dei cittadini
>>. Non sembrano totalmente concordi i consiglieri di minoranza, in particolare Roberto De Donatis , il quale ricorda più volte che la zona in questione è soggetta a vincolo paesaggistico, in quanto classificata come bellezza panoramica. 

E’ la volta del Consigliere Massimo Ascione, il quale, accorato come al solito, non perde occasione per rimarcare il suo rammarico rispetto all’atteggiamento dell’ex “compagno di banco” Lino Caschera. <<Capisco la scelta del consigliere Caschera>> dichiara ironicamente Ascione <<in quanto trovarsi da questa parte a volte può risultare difficile e faticoso. E’ preferibile fare opposizione all’interno della maggioranza ed al fianco del Sindaco Tersigni che qualche mese fa dichiarava che mai avrebbe aperto le porte a nessuno dell’opposizione>>. Interviene, dunque, il Primo Cittadino a specificare di non aver mai negato apertura nei confronti degli oppositori nè di aver mai preso posizioni di tal genere, se non quella di escludere a priori un accordo con l’ex Consigliere Enzo Di Stefano. Nel frattempo rincara la dose il consigliere Ascione contro Caschera: <<In occasione della recente crisi di maggioranza è stata calpestata la democrazia e la dignità della minoranza; ma lei, consigliere Caschera, ha rappresentato l'”Asso nella manica”, o meglio il “dodicesimo degli apostoli”, tra i quali, però, si cela sempre un Giuda Escariota>>.

Estremamente differente il tono dei Consiglieri di maggioranza che hanno ripetutamente elogiato Lino Caschera, in particolare del Capogruppo Salvatore Meglio che ha garantito appoggio al neo consigliere di maggioranza <<per il coraggio dimostrato nella scelta di staccarsi da un gruppo dove “uno” decide e gli altri obbediscono e di sposare, quindi, un progetto politico ed amministrativo grazie al quale si daranno risposte concrete ai cittadini>>. Di seguito è lo stesso Caschera a dichiarare: <<Io mi sento il Consigliere della gente; faccio politica da dieci anni e sono sempre stato all’interno di coalizioni di centro-destra. Non devo rendere conto a nessuno delle mie scelte. Sono e sarò sempre a disposizione della città>>. Infine è il Sindaco Tersigni a rispondere alle incalzanti polemiche della minoranza: <<Le idee può cambiarle soltanto chi le ha. Nonostante qualcuno tenti ancora di speculare sulla passata crisi di maggioranza io posso dire di essere fiero dei miei consiglieri, che evidentemente non vivono di luce riflessa. Nella mia maggioranza vige la democrazia, dunque nella mia maggioranza si può dissentire. Io non scrivo per loro, non sono un podestà. I miei consiglieri hanno delle idee, ed è per questo che “noi decidiamo”, non sono io che decido. Siete qui a discutere ancora di argomenti vecchi di due mesi; a me non interessa il passato, io guardo al futuro>>.

L’assemblea prosegue con le votazioni per il rinnovo del CdA della Farmacia Comunale. Su proposta del Sindaco Tersigni  il Consiglio di Amministrazione viene allargato a 5 membri, in modo da assicurare la giusta rappresentanza anche della parte consiliare di minoranza. Eletto alla carica di Presidente: Ezio Tatangelo, alla carica di Consiglieri: Antonio Viscogliosi e Gabriele SavonaPresidente del collegio sindacale: Filippo Porretta, Membro effettivo: Carmela Ciotola, Supplente: Luca Tanzilli.

Elena Quadrini – Sora24

Commenti

wpDiscuz
Menu