2 marzo 2015 redazione@sora24.it
LETTO 8.886 VOLTE

Cordoglio e commozione in tutta la provincia per la scomparsa del M° Antonio Gemmiti

È stato un infaticabile amante e promotore della Musica e quindi della Cultura Musicale. Tantissime manifestazioni organizzate a Sora ed in ogni angolo della provincia portano la firma dell’Associazione Artis Musicae Academia, di cui era presidente. Padre di due musicisti di fama internazionale, Fabio e Sandro Gemmiti, che ne hanno raccolto il testimone consolidando tutto il percorso artistico da lui creato in decenni di attività, il M° Prof. Antonio Gemmiti, spirato stamane alle 3:30, all’età di 74 anni, presso l’ospedale Spaziani di Frosinone, ha lasciato un vuoto incolmabile nel mondo culturale locale.

Con la rassegna “Itinerari Musicali”, tanto per fare un esempio, è riuscito a portare nel nostro territorio artisti di grandissima qualità. Da sottolineare, tra l’altro, l’ampia veduta culturale dell’uomo, sensibile ed attento a tutto il pubblico. Nell’organizzare le manifestazioni di Artis Musicae Academia, difatti, Gemmiti dava spazio non solo al concerto ricercato e per i cosiddetti “palati raffinati”, ma anche a spettacoli capaci di richiamare migliaia di persone. Non si contano, difatti, i nomi di cabarettisti di fama nazionale saliti sui palchi delle piazze di Sora sotto le insegne della sua Artis Musicae Academia.

Tutto questo senza contare i suoi anni di insegnamento nella Scuola Media Giuseppe Rosati di Sora ed innumerevoli altre iniziative tese sempre alla promozione della cultura musicale. Gemmiti, in sintesi, è stato come un padre per il mondo culturale locale. In queste ore, giustamente, si moltiplicano le testimonianze d’affetto nei confronti dei familiari. Anche la nostra redazione si unisce al cordoglio per la scomparsa di questa importantissima figura del panorama culturale. La camera ardente è stata allestita presso il nosocomio frusinate. I funerali si terranno martedì 3 marzo alle ore 15:00 nella Basilica di San Domenico Abate, a poche centinaia di metri della casa di famiglia a Ponte Olmo.

 

Commenti

wpDiscuz
Menu