venerdì 12 febbraio 2016 redazione@sora24.it

“Dante… all’Inferno”: a teatro con i ragazzi delle scuole Facchini e S.G. Antida. Ecco le date

Si avvia alla conclusione il Laboratorio teatrale del 3 I.C. scuola media E Facchini con la doppia esibizione degli alunni delle classi prima e seconda media appartenenti alla “Compagnia dei Semiseri”, nata da un’idea della prof.ssa Bedani nell’ormai lontano 2007. Sono ormai di lunga esperienza le docenti coordinatrici del progetto prof.sse Iannuccelli, Pantanella e Pisani che da anni riscuotono plausi e consensi, nonché affermazioni di prestigio nei concorsi ai quali hanno partecipato con le loro rappresentazioni teatrali.

Il 12 febbraio, nella mattina, presso l’Auditorium Baronio i ragazzi porteranno in scena “Dante… all’Inferno”, un modo divertente di avvicinare i ragazzi al capolavoro della letteratura italiana. Le docenti non sono nuove a queste “incursioni letterarie” in quanto negli anni precedenti si sono cimentate con “Gli Sposi promossi”, “La Giara e La patente” “L’Odissea…a modo nostro” permettendo agli alunni di scoprire in maniera ironica gli immortali della scrittura. Le esibizioni vedranno come spettatori gli alunni delle classi quinte dell’Istituto Comprensivo 3°, con i “colleghi” delle scuole paritarie Beata Maria de Matthias e Santa Giovanna Antida.

La seconda esibizione è destinata a quanti vorranno recarsi, giovedì 3 marzo, presso il cinema teatro di Isola del Liri alle ore 20.30. Pertanto tutti sono invitati ad assistere alla performance dei ragazzi che, sicuramente emozionati ma altrettanto felici, accoglieranno i graditi spettatori con la loro spontaneità ed il loro brio.

L’invito caloroso a partecipare è naturalmente da parte delle docenti coordinatrici del progetto, del dirigente scolastico, dott.ssa Marcella Maria Petricca che ha sempre creduto in questa attività capace di far emergere le diverse attitudini degli alunni e di tutto il personale dell’Istituto Comprensivo n.3. Il “teatro”, allora a Sora, grazie anche all’impegno della Scuola e del prestigioso “3°”, in particolare, va sempre di più assumendo carattere e sintesi di promozione umana e culturale. Una bella tradizione che continua e che, partendo dalle infinite fonti della letteratura italiana, educa, forma, insegna e diverte.

Gianni Fabrizio

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
scrivi un commento

Commenti

wpDiscuz
scarica la nostra App
Per ricevere le notizie sul tuo smartphone o tablet: clicca qui e scarica gratis l'App
gli articoli più letti