14 ottobre 2012 redazione@sora24.it
LETTO 703 VOLTE

DE DONATIS: Conferenza dei Capigruppo… un sistema di lavoro approssimativo e superficiale

Foto in copertina – Luca Rea

È ormai abitudine consolidata di questa maggioranza considerare la conferenza dei capigruppo come un fastidio che interrompe la gaudente serenità del fare amministrativo. Tale conferenza dovrebbe essere la sede dove si discutono le delibere da sottoporre al Consiglio, si forniscono spiegazioni su questioni che possono essere risolte nell’interesse della collettività al fine di rendere più fluidi i lavori consiliari. In modo particolare si stabiliscono date, ordine dei lavori e disponibilità.

Orbene nella recente Conferenza dei Capigruppo dell’8 u.s. il Consiglio che si sarebbe dovuto tenere l’11 ottobre è stato spostato a data da stabilirsi. Il motivo addotto (mi è stato riferito, stante la mia assenza per cause maggiori) sembra essere legato alle recenti disposizioni normative che hanno concesso una proroga per gli atti amministrativi attinenti al Bilancio. In quella stessa sede fu definita la data del 16 ottobre per un altro Consiglio Comunale relativo alla convenzione con l’Aros che seguiva l’atto di rateizzazione dei 2.200.000 euro, che abbiamo fortemente criticato nell’ultimo Consiglio.

Ieri, vista l’importanza dell’atto, mi sono recato in Comune per sapere se fossero pronti i documenti e lì ho appreso che anche questo Consiglio era stato rinviato ad altra data. Sarebbe fin troppo facile criticare ancora una volta la Presidenza del Consiglio. Ritengo invece di dover muovere una forte critica a quello che è un sistema di lavoro approssimativo e superficiale, che sottopone chi presiede i lavori consiliari ad un’ennesima brutta figura.

Roberto De Donatis – Consigliere di Patto Democratico

Commenti

wpDiscuz
Menu