CONTATTA LA NOSTRA REDAZIONE
domenica 19 luglio 2015

Dei tre medici “annunciati” dal Sindaco Tersigni è arrivato solo un ginecologo

Sembra che l’ASL non riesca a reperire un cardiologo e potrebbe concretizzarsi l’impiego (anche per lunghi periodi) dell’automedica, al costo di circa 1.000 € al giorno

Queste le dichiarazioni del portavoce del Movimento 5 Stelle di Sora, Fabrizio Pintori: «La sanità è talmente importante che qualunque iniziativa per salvaguardarla è utile. Pertanto, pur non condividendola, si rispetta la scelta del Sindaco Dott. Ernesto Tersigni di percorrere una strada più formale per ottenere il personale per l’ospedale. Sarebbe, comunque, stato opportuno almeno stringere la mano ai manifestanti, esprimendo così la propria solidarietà, così come ha fatto il portavoce del M5S alla Camera dei Deputati Luca Frusone.

Gli attivisti hanno davvero sperato nell’arrivo dei tre medici annunciato dal Sindaco. Purtroppo, anche questa volta l’A.S.L. non è stata in grado di ascoltare il grido di allarme lanciato dai cittadini e dalle istituzioni locali. A differenza di quanto annunciato (ndr clicca qui per leggere), al momento, è arrivato un solo medico (ginecologo), mentre il pediatra dovrebbe (il condizionale è d’obbligo!) arrivare lunedì e si dovrebbe trattare della dott.ssa che fino a poco tempo fa prestava servizio a Sora, ma che una volta scadutole il contratto è stata riassunta per lavorare a Frosinone, inviando a Sora altro pediatra prossimo alla pensione. Infine, sembra che l’A.S.L. non riesca a reperire un cardiologo, in questo caso potrebbe concretizzarsi, come soluzione, l’impiego dell’automedica (al costo di circa 1.000 € al giorno) anche per lunghi periodi.

Si fa presente che, se realizzatosi, l’arrivo dei tre medici avrebbe scongiurato la chiusura dei Reparti, posticipando però il problema (almeno per quanto concerne la Pediatria a settembre), ma soprattutto non avrebbe garantito nessun salto di qualità. Il numero e la qualità delle prestazioni continueranno a dipendere solo dall’abnegazione e dal senso di dovere di tutti i dipendenti ospedalieri. È necessario ottenere che l’A.S.L. chieda ed ottenga, nel minor tempo possibile, dalla Regione le deroghe per le assunzioni di personale a tempo indeterminato».

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
CLICCA QUI E RISPONDI AL SONDAGGIO
Menu
Ciociaria24