16 gennaio 2012 redazione@sora24.it
LETTO 1.643 VOLTE

“I soldi pubblici vanno rispettati, compresi quelli dei contribuenti Sorani.” (di Lorenzo Mascolo)

Qualche giorno fa ho pubblicato sulla mia bacheca Fb le immagini di una rotatoria realizzata ad Atina e di una nel territorio di Sora: la differenza di qualità tra i due lavori mi è sembrata abissale.
C’è da aggiungere, purtroppo, che tale differenza diventa una umiliante consuetudine se confrontata con molti altri lavori pubblici realizzati ad Isernia, Cassino, Frosinone, Avezzano. In buona sostanza, si può riscontrare ad occhio nudo che gran parte delle opere portate a termine nella nostra città negli ultimi dieci anni sono da bocciare con decisione.
Ci sarebbero tanti casi da elencare: dal contorno “groviera” di una Piazza Mayer Ross riqualificata da poco a numerosi tratti di asfalto low cost e già pieno di buche; dal parco fluviale mai terminato e già pronto per la rottamazione al palasport nel quale possono star comode solo le persone che calzano il 29.
Tuttavia non è opportuno piangere sul latte versato, a patto che si trovi il coraggio di voltare pagina. L’occasione è a portata di mano e si chiama Piazza Annunziata. Spero che in questo caso i lavori vengano completati nel modo migliore e soprattutto senza dover risparmiare per i soliti censurabili motivi,  in modo tale da dimostrare ai Sorani che anche qui si rispettano i soldi dei contribuenti e si possono realizzare lavori pubblici degni di tal nome.

Lorenzo Mascolo – Sora24

[nggallery id=143 template=caption]

Commenti

wpDiscuz
Menu