giovedì 11 aprile 2013 redazione@sora24.it

Domenica 21 Aprile 2013: “abbracciamolo insieme!” Fotogallery Ordinazione Mons. Antonazzo a S.Maria di Leuca

Domenica 21 Aprile 2013, S.E. Mons. Gerardo Antonazzo, Vescovo di Sora Aquino Pontecorvo, sarà tra noi. Subito dopo la sua nomina ha dichiarato: “La nostra Diocesi è patria di personaggi famosi. Spero si allungare la lista delle persone normali”. Accogliamolo insieme in un unico abbraccio!

Di seguito il pezzo a cura di Gianni Fabrizio sulla celebrazione eucaristica per l’Ordinazione episcopale di Mons. Antonazzo, che si è svolta Lunedì 08 Aprile a Santa Maria di Leuca

Migliaia di fedeli hanno partecipato l’8 aprile a S. Maria di Leuca sul piazzale del Santuario della Madonna “De Finibus Terrae”, alla celebrazione eucaristica per l’Ordinazione episcopale di Mons. Gerardo Antonazzo. A consacrare il nuovo vescovo S.E. Domenique Mamberti, Segretario per i rapporti con gli Stati, il nunzio apostolico per l’Italia mons. Adriano Bernardini, il vescovo di Ugento-Santa Maria di Leuca mons. Vito Angiuli. Presenti numerosi vescovi della Puglia, e del Lazio , tra i quali padre Luca Brandolini; presente anche il card. Salvatore De Giorgi.La delegazione della Diocesi di Sora Aquino Pontecorvo,con 200 persone, era guidata dall’Amministratore Diocesano, mons. Antonio Lecce. Molto attenta e vivace è stata la partecipazione della nostra delegazione diocesana. A rappresentare l’Amministrazione Comunale c’era il sindaco, Ernesto Tersigni, l’assessore Agostino Di Pucchio ed il consigliere Elvio Meglio.

Come tutti, particolarmente rumoroso e festante si è rivelato il gruppo giovanile della parrocchia di Valleradice, con un simpatico striscione di saluto indirizzato al vescovo Gerardo. “Ero accanto a don Gerardo,ha commentato mons. Antonio Lecce, nel pomeriggio dell’8 aprile, al cospetto del cielo, del mare, della Basilica di S. Maria de finibus terrae, del popolo di Dio, composto dai conterranei pugliesi e dalla foltissima delegazione proveniente da Sora, Aquino, Pontecorvo, Valle Roveto, Val Comino e Valle del Liri. Mentre iniziava la solenne celebrazione Lo sentivo calmo e sereno, alla mia destra, nel ripetere l’eccomi di Abramo e di Maria alla chiamata di Dio. “Per fede mi abbandono a Dio – ha detto poi alla fine del rito citando un salmo – “come un bambino svezzato in braccio a sua madre”. Forse ero più emozionato io nel pronunciare le parole rituali con cui chiedevo a nome della Chiesa di Sora Aquino Pontecorvo la sua ordinazione che non lui, ormai tutto immerso nell’onda dell’amore misericordioso del Signore che lo attirava a sé per farlo diventare padre e fratello per i figli della nostra Chiesa. Poche altre volte avevo assistito all’ordinazione episcopale e, non so per quali motivi, avevo avuto la sensazione di assistere alla cooptazione di un nuovo adepto nella cerchia dei detentori del potere ecclesiastico. Questa volta ero proprio lì, a cogliere quasi fisicamente le vibrazioni del cuore dell’Eletto che ardeva dal desiderio di donarsi totalmente a Gesù Pastore e, in Lui, ai nuovi figli e fratelli nella fede. L’ho visto prostrato a terra mentre sulla sua testa aleggiavano le schiere degli angeli e dei santi, ho notato la fermezza della voce con la quale ha risposto “Sì, lo voglio” alle interrogazioni del Vescovo ordinante principale, ho avvertito un particolare accento di adesione quando gli è stato chiesto di essere sempre accogliente e misericordioso verso i poveri e tutti i bisognosi di conforto e di aiuto”.

Il viaggio – pellegrinaggio o all’estremo sud dello Stivale è stato straordinario, ci ha riferito suor Antonella Piccirilli di Sora. «La mattina del 9 aprile, ha commentato, mons. Gerardo Antonazzo ha celebrato la sua prima Messa da vescovo nel santuario di Santa Maria di Leuca, con tutti noi 200 fedeli e i tanti sacerdoti della Diocesi di Sora, giunti per l’ordinazione episcopale. Durante l’omelia il vescovo Gerardo ha parlato di comunione, di condivisione, di testimonianza. E poi, in un piccolissimo gesto, assolutamente spontaneo, ha testimoniato quello che aveva appena detto: al momento della Comunione l’abbiamo visto quasi correre verso il popolo e distribuire lui solo l’Eucaristia a tutti, in uno slancio fisico, concreto, come per un abbraccio con la nostra Diocesi. È stato come percepire l’abbraccio fra il vescovo e la sua Chiesa, la sua Sposa: un momento di comunione concreta e visibile. In quel gesto semplice, c’è già l’abbraccio di un padre, che raggiunge tutti».

“Un’esperienza di Chiesa indimenticabile!” e “Un momento di vita ecclesiale che resterà alla storia!”. Questi i primi commenti di Luciana Costantini che ha ancora detto:”Queste sono solo alcune delle impressioni colte martedì sera sulla via del ritorno dalla Puglia a Sora. Ma già al mattino del lunedì, al momento della partenza, quando era ancora buio, si respirava un’aria di festa e di gioia. No, non quella dei ragazzini in gita scolastica, ma quella di una “Chiesa in cammino” che, ricca della propria esperienza e del proprio bagaglio spirituale, andava ad incontrare il suo nuovo Pastore.

“Caro don Gerardo, semplicemente grazie!” era scritto su uno striscione affisso sulla piazza antistante il Santuario di S.Maria in finibus terrae battuta da un vento che sapeva di mare. Quell’affetto e quella gratitudine espressa dal popolo di Corsano, che ha avuto Mons. Antonazzo come parroco, sono diventati subito parte di noi ed espressioni vere del nostro sentire. Il calore con cui siamo stati accolti, la bellezza dei luoghi, anche quando il panorama appariva brullo e monotono, la solennità della celebrazione, curata nei minimi dettagli, tutto ha contribuito a creare un clima di fraternità e di preghiera tra le migliaia di persone presenti lunedì pomeriggio al Rito di consacrazione episcopale e che si è fatto ancora più forte il mattino seguente nella chiesa del Santuario alla Messa celebrata solo per noi dal nostro nuovo Vescovo.

Iniziava proprio lì il ministero episcopale di Mons. Gerardo, tra sacerdoti e religiosi, tra diaconi e laici, tra adulti, giovani e bambini, tra famiglie e persone che in quel momento non potevano certo dirsi sole.“Mi sento a casa mia –così ci ha salutato- non perché siamo a Leuca, ma perché siamo insieme” e non ha neanche nascosto la difficoltà di dover ricominciare, di ”cambiare vita in poche ore”, ma in questo “rinascere a vita nuova” – ha proseguito nell’omelia- ci aiuta la pagina evangelica di Nicodemo così come dalla prima comunità cristiana descritta negli Atti degli apostoli cogliamo i tre punti che fanno la Chiesa e che ci fanno Chiesa: la comunione, la condivisione e la testimonianza.

E ci ha incoraggiato ad essere, in quanto Chiesa in un mondo che non sa e non crede, come l’anima nel corpo. Una grande missione e una grande responsabilità che ci sollecitano, per dirla ancora con le sue parole, a “non perdere tempo”. Corollario di questa breve ma intensa esperienza di fede è stata ancora la visita fatta con lui ad Alessano sulla tomba di don Tonino Bello, suo e nostro maestro di vita e guida spirituale. E il momento di saluto allora era intriso già di nostalgia, perché grande è il desiderio di averlo con noi e tra noi per annunciare insieme il Risorto “in fines terrae” e in ogni angolo e anfratto di questa nostra Chiesa diocesana”.

Foto tratte da www.basilicaleuca.it e dalla bacheca Fb di Don Edmer Eronga

[nggallery id=907]

Commenti

wpDiscuz
Menu