28 aprile 2012 redazione@sora24.it
LETTO 656 VOLTE

Domenica 29 aprile: rinnovo dei tre consigli della Confraternita del Sacro Cuore in S. Francesco

Domenica 29 aprile a Sora, presso la Chiesadi S. Francesco, si vota per il rinnovo dei tre Consigli della Confraternita del “Sacro Cuore”, ai sensi dello Statuto e del regolamento interno. I Confratelli e le Consorelle che hanno diritto ad esercitare le proprie scelte, potranno esprimere il loro voto dalle ore 11.00  alle ore 16.30. Il rinnovo interessa i tre Consigli previsti: la “Terna”, gli otto membri del Consiglio di Amministrazione ed i tre componenti il Consiglio dei Revisori dei Conti. Un’apposita commissione elettorale ha già predisposto tutto l’occorrente per procedere alle regolari operazioni di voto. Questi i candidati per la “Terna”: Priore: Gino Savona; 1° Assistente,Sandro Polsinelli; 2° Assistente: Antonio Grassi, Antonio Raggi, Fernando Rampani; Consiglio di Amministrazione:Antonio Cappuccitti,Domenico Forletta, Giuseppe La Posta,Antonio Macciocchi,Vittorio Mancini, Ciro Merolle,Domenico Pagliaroli, Valentino Parente, Luigi Testa; per i Revisori dei Conti:Marco Di Ruscio, Benedetto Paglia, Gabriele Pasquarelli, Luigia Pompilio. “L’esperienza delle Confraternite, ci ha dichiarato l’assistente don Mario Zeverini, antiche e gloriose istituzioni, fiorite nel terreno della Chiesa fin dal medioevo, costituisce per i laici una grande ed efficace forma di aggregazione ecclesiale e di apostolato. Per gli associati alla Confraternita del Sacro Cuore di Sora, poi, c’è l’impegno ulteriore dal fatto che vivono un’esperienza associativa in una chiesa francescana e quindi devono rendere visibile soprattutto lo spirito francescano della vita.

Lo scopo delle Confraternite si è mantenuto, nel corso dei secoli, su due binari:da un lato la missionarità nella Chiesa, testimoniando ed annunciando la buona notizia del Vangelo e dall’altra esercitare la carità, accogliendo i pellegrini, assistendo i carcerati, seppellire i morti,  visitare gli infermi. Ecco perché agli iscritti di questa Confraternita sorana vengono richiesti comportamenti ispirati agli insegnamenti di San Francesco,  secondo il desiderio del Sacro Cuore di Gesù: “rispettatevi ed amatevi come io vi ho amato”. La Confraternita del Sacro Cuore di Gesù, eretta il 29 aprile 1806, vanta due secoli di vita. Storicamente, nella domanda di erezione, si manifesta la volontà di ricostituire l’antica e benemerita “Confraternita della Buona Morte e della Carità di Sora”,che già risultava aggregata alla Sede di Roma dall’ottobre del 1607.L’abito dei confratelli era un saio nero, ma quando, dopo diverse vicissitudini e vari  eventi, nel 1808 risorgeva con il nome di “Confraternita dei Sacconi”, il saio divenne un panno ruvido bianco, cinto ai fianchi da una grossa fune con tre nodi, in ricordo delle tre ore di agonia di Gesù sulla Croce. Nella Chiesa di S. Francesco a Sora, attualmente la Confraternita del Sacro Cuore detta dei Sacconi, testimonia soprattutto la povertà e la carità, cura la struttura ed il decoro delle celebrazioni,sviluppa molti servizi di solidarietà, di carità spirituale e materiale e di assistenza”.

Gianni Fabrizio

Commenti

wpDiscuz
Menu