mercoledì 10 dicembre 2014 redazione@sora24.it

Dopo 42 anni di onorato servizio inizia la 2a giovinezza di una «colonna portante» del “SS. Trinità”

Decenni di lavoro svolto quotidianamente quasi con religioso ossequio e puntigliosa attenzione. Mancherà a tutti.

Il 9 dicembre si è conclusa, con l’ultimo giorno di servizio, la lunga attività lavorativa (iniziata il 16 settembre 1972… ben 42 anni fa!) della Caposala del Servizio di Sala Operatoria e Rianimazione dell’Ospedale “SS. Trinità” di Sora, Anna Paesano.

Tutto il personale medico, infermieristico, ausiliario e dei vari servizi dell’ospedale e del distretto ospedaliero, nonché ex dipendenti che già sono in pensione, ieri, presso la sala riunioni dell’ospedale, le hanno reso omaggio con la loro presenza e con il loro affetto, esprimendole, in un clima conviviale, profonda riconoscenza per la dedizione e la professionalità con cui ha svolto in tutti questi anni il suo prezioso lavoro.

Non è questa la sede per retorici panegirici, ma in pochi brevi tratteggi ci piace sottolineare di lei il suo lavoro svolto quotidianamente quasi con religioso ossequio, con puntigliosa attenzione affinché tutto venisse svolto armoniosamente anche fra inevitabili disagi o imprevisti. Presenza costante e attiva la sua, che non ha disdegnato prolungare la propria attività anche oltre il normale orario di lavoro.

Lavoro non certo facile, fatto di programmazione continua, pianificazione efficiente ed efficace. Richieste di presidi, materiali e farmaci; contabilizzazioni settimanali e mensili; bilanci ed inventari annuali; gestione di risorse umane sempre più carenti: tutto è stato curato da Anna in un rigore economico non facile. Come non ricordare, per concludere, il risultato più grande, l’ultimo sforzo da consegnare ai posteri: la partecipazione attiva alla progettualità, l’allestimento e la successiva organizzazione del reparto di Rianimazione del nosocomio sorano. Per questo e per tantissimi altri motivi Anna Paesano sarà sempre ricordata come una colonna portante dell’ospedale SS. Trinità di Sora e di altri 26 Comuni e mancherà tantissimo a tutti i suoi colleghi.

Commenti

wpDiscuz
Menu