5 ottobre 2015 redazione@sora24.it
LETTO 4.353 VOLTE

E mentre Tersigni e Di Stefano iniziano le schermaglie, il Popolo della Rete ha scelto Vinciguerra

Da circa 15 anni rappresenta il più grande problema politico di sempre qui a Sora, un problema che ha impedito alla città di eleggere rappresentanti regionali e nazionali nelle più importanti sedi istituzionali, isolandola progressivamente, forse addirittura per i prossimi 20 anni. Parliamo chiaramente della guerra politica infinita tra Di Stefano e Tersigni, un gioco al massacro che ha penalizzato gravemente Sora, un fuoco che continua imperterrito a covare sotto la cenere e che riemerge con veemenza non appena gli si presenta l’occasione giusta.

Il botta e risposta sull’illuminazione pubblica è solo l’ultimo episodio di una diatriba che in occasione di alcuni comizi tenuti prima delle elezioni comunali 2011 raggiunse picchi di tensione elevatissimi, con buona pace dei veri problemi della città, su tutti l’ex Tomassi, abilmente relegati in secondo piano.

Evidentemente nulla è cambiato da allora, e, vista l’imminenza di nuove elezioni amministrative (Maggio 2016), ci si prepara a scrivere l’ennesimo capitolo della drammatica saga che ha portato alla distruzione della città, a meno che… quello che i Sorani scrivono oggi in rete non diventi qualcosa di concreto.

Dal momento in cui ha iniziato a circolare sui social la notizia riguardante la possibilità di vedere il Dott. Augusto Vinciguerra in corsa per lo scranno più alto di Corso de’ Volsci, difatti, tutti e sottolineiamo tutti hanno espresso opinioni favorevoli in merito (come si potrebbe dire il contrario del resto?). A questo punto, visto il grave pericolo all’orizzonte, ossia l’ennesimo bagno di sangue tra Tersigni e Di Stefano, forse è il momento di uscire allo scoperto o, al contrario, di smentire ufficialmente tale ipotesi, quantomeno per risparmiare ai tanti sorani che sognano di vedere il coriaceo Augusto con la fascia tricolore alla guida di una città ossessionata dal presente, dannatamente uguale al passato recente e remoto, e desiderosa di giocarsi qualche chance di riscatto, l’ennesima delusione.

Commenti

wpDiscuz
Menu