14 marzo 2013 redazione@sora24.it
LETTO 325 VOLTE

Elezione Papa Francesco: lettera aperta del nostro nuovo Vescovo, Mons. Gerardo Antonazzo

Riceviamo e pubblichiamo la lettera del nostro nuovo Vescovo, Mons. Gerardo Antonazzo, scritta oggi a seguito dell’elezione di Papa Francesco.

“Fratelli e sorelle della Chiesa di Dio che in Sora-Aquino-Pontecorvo,

in profonda e gioiosa comunione spirituale con la Chiesa universale, vogliamo elevare al Signore il nostro inno di lode e di ringraziamento per il felice evento dell’elezione del nuovo Pontefice, il s. Padre Francesco. L’immagine del suo capo umilmente chinato verso la folla, radunata in piazza s. Pietro, per chiedere la benedizione del Signore su di lui attraverso la preghiera del Popolo di Dio, resterà l’immagine-simbolo degli albori di un pontificato che segnerà, con le sorprese dello Spirito di Dio, il cammino della Chiesa.

Sentiamo molto attuali le parole che il profeta Isaia rivolge al popolo di Israele: “Così dice il Signore, che aprì una strada nel mare e un sentiero in mezzo ad acque possenti:«Non ricordate più le cose passate, non pensate più alle cose antiche! Ecco, io faccio una cosa nuova: proprio ora germoglia, non ve ne accorgete?Aprirò anche nel deserto una strada…il popolo che io ho plasmato per me celebrerà le mie lodi” (Is 43).

Solo ora, a mio parere, siamo in grado di interpretare l’opera e la presenza di Dio negli ultimi eventi della vita della Chiesa: Lui fa germogliare davvero cose nuove! Il Signore solitamente ha sviluppato la storia della salvezza secondo un percorso lineare e progressivo e, dall’interno di eventi “ordinari”, ha spinto in avanti i suoi progetti. Altre volte, però, ha salvato il suo popolo suscitando eventi e personaggi di assoluta rottura e di sorprendente discontinuità rispetto ad ogni logica umana.

L’evento della rinunzia del vescovo emerito Benedetto XVI e l’elezione di Papa Francesco sono davvero eventi umanamente imprevedibili e inattesi; ma è così che Dio ha deciso di aprire una nuova strada nel deserto…!
Permettetemi ancora di condividere due ulteriori motivi di commozione, suscitata nel mio animo dalle poche parole del nuovo Pontefice: ha chiesto la preghiera per lui, Vescovo di Roma, chiamato dai fratelli Cardinali “quasi alla fine del mondo”. Anch’io chiedo ancora a voi, che siete la Chiesa di Sora-Aquino-Pontecorvo, la preghiera per il vostro nuovo Vescovo, scelto anche lui “de finibus terrae”, ai confini della terra.

Uniamoci tutti alla preghiera di affidamento del s. Padre alla Vergine Maria.

+ Gerardo Antonazzo
Vescovo Eletto

Commenti

wpDiscuz
Menu