martedì 9 aprile 2013 redazione@sora24.it

Elezioni amministrative Arpino 2013, Gianluca Quadrini: “Cambieremo il modo di fare politica”

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota stampa a firma di Gianluca Quadrini, candidato a sindaco di Arpino

Ho già avuto modo di affermare che auspico una campagna elettorale incentrata alla massima correttezza, da parte di tutti i candidati che concorreranno alla competizione del 26 e 27 maggio prossimo; temo però che mi troverò di fronte agli ennesimi attacchi gratuiti, ai quali è opportuno rispondere in modo chiaro e netto. Qualche giorno fa qualcuno, parlando dell’autentico disastro finanziario del nostro Comune, si poneva queste domande: come mai i cittadini non erano al corrente di tutti questi debiti? Dove sono stati in questi dodici anni i Consiglieri, sia di maggioranza, che di opposizione?

Mi è sembrata una domanda molto diretta, rivolta a me, ed alla quale mi sento in dovere di rispondere; credo sia un fatto inequivocabile che il sottoscritto abbia svolto in maniera continua e sistematica il proprio ruolo di Consigliere di opposizione: ho presentato tantissime interrogazioni alle quali nessuno si è sentito in dovere di rispondere, non ho mai dato voto favorevole a nessuno dei provvedimenti votati in Consiglio comunale, non ho mai approvato i bilanci che facevano acqua da tutte le parti, ho sempre informato i cittadini, attraverso centinaia e centinaia di comunicati stampa, di ciò che, di molto grave, stava accadendo.

Tutti sanno in che modo gli Amministratori rispondevano al sottoscritto: o con l’indifferenza assoluta, o insultandomi, perché loro erano super esperti, io super ignorante! Detto ciò, vorrei a questo punto essere io a rivolgere una domanda a chi oggi, si meraviglia di tante malefatte: ma in tutti questi anni dove erano gli “imprenditori” ed i “professionisti”, che, a vario titolo sono stati a braccetto con i nostri ex amministratori? E’ un dato di fatto che essi hanno condiviso, insieme agli amministratori, consulenze di vario genere e per un lungo periodo di tempo.

Nella migliore delle ipotesi questi imprenditori e questi professionisti hanno dovuto sudare per ottenere il pagamento del loro credito; nella peggiore delle ipotesi risultano essere  nell’elenco dei creditori  che il Comune di Arpino si appresta a dover pagare nei prossimi dieci anni! Ritengo che qualsiasi perplessità sia veramente fuori luogo, essendo stati, questi soggetti, i diretti interessati nelle disastrate operazioni contabili poste in essere dall’Amministrazione, presieduta, ripeto, dai loro amici di sempre.

Continuerò a far sentire la voce di coloro che vogliono che le cose cambino segnando un taglio netto con il passato e che scendono in campo per contrastare coloro che invece vogliono essere legati a logiche ormai obsolete perché condivise, fino a qualche tempo fa, e non solo, con coloro che hanno contribuito al dissesto delle casse comunali. Noi siamo pronti e con me i miei ragazzi che scenderanno in campo con la voglia di cambiare definitivamente il modo di fare politica ad Arpino e con la consapevolezza di sedere in consiglio comunale nell’interesse dei nostri concittadini e non per altre motivazioni di carattere personale.

Commenti

wpDiscuz
Menu