6 maggio 2013 redazione@sora24.it
LETTO 586 VOLTE

Elezioni Arpino 2013, presentati componenti lista “Un patto per la città”. Sosterranno Gianluca Quadrini

Giovedì 3 maggio, presso il ristorante Splendor, alla presenza di una folta platea, il candidato a Sindaco Gianluca Quadrini  ha iniziato ufficialmente la campagna elettorale presentando  i componenti della lista “un patto per la città” e il programma che la squadra intende realizzare.

Ad aprire gli interventi il Prof. Dino Giovannone, il quale ha ricordato  il suo trascorso politico  a fianco di Gianluca Quadrini come Consigliere comunale di opposizione, culminato con la sfiducia alla precedente Amministrazione: è così che il loro legame si è rafforzato ed è dalla comune esperienza che è nata l’idea di formare la lista “Un patto per la città”, fatta di  gente alla prima esperienza politica,  per dar vita, insieme,  ad una nuova primavera per Arpino. Infine, un argomento molto a cuore allo stesso Giovannone: il potenziamento delle scuole e la riapertura, a breve, del Convitto, in attività di semi college, potendo contare, ad oggi, su centoventi iscritti.

A seguire un intervento molto articolato di Antonangelo Carmine, direttore Amministrativo del Medical Center, che ha spaziato a tutto campo sulla esigenza del rilancio commerciale, turistico e culturale della città di Arpino, aprendo un tavolo di concertazione permanente con i vari operatori del settore, attingendo ai fondi della Unione Europea per dare respiro alla economia. Parlando del rilancio commerciale ha auspicato una proficua collaborazione con gli operatori commerciali atta a trovare delle soluzioni valide per far ritornare Arpino ad essere la perla della Ciociaria; a proposito  degli anziani, ha rilevato l’ esigenza di potenziare i centri di aggregazione e della possibilità di istituire l’Università della terza età.

Molto emozionante l’intervento di Capuano Lara, la quale si è presentata con parole semplici ed efficaci: “Quando Gianluca Quadrini ha bussato alla mia porta per propormi la candidatura ho capito che, a differenza di altri politici che cercano candidati con un consolidato portafoglio di voti, nella composizione di questa lista si è dato spazio alla gente normale ed è con la mia normalità di cittadina di Arpino che vorrei fare qualcosa per questo paese, in particolare anziani e bambini, entrambi grandi risorse, e non un peso, in ogni società civile”.

Anche Caruso Sandro, nel presentarsi, ha voluto rimarcare la sua appartenenza alla società civile e la sua voglia di rimanere una persona normale; nell’accettare la sua candidatura ha posto una sola condizione: che i Consigli comunali si tengano in orari tali da conciliare le esigenze lavorative di ognuno, perché è ora di dire basta  ai  cosiddetti “signorini della politica”,che, pur occupandosi di politica a tempo pieno hanno creato autentici disastri. Infine, ha ringraziato tutte le Associazioni che operano sul territorio e, in particolare,  i giovani, che, senza nulla a pretendere e senza alcun supporto svolgono un lavoro eccezionale.

Tale argomento è stato ripreso ed approfondito dal Candidato Di Folco Federico, anche lui, da sempre, a fianco  dei  giovani di Arpino, con i quali ha organizzato tanti eventi, in condizioni di totale disagio, senza adeguati spazi in cui riunirsi, senza alcun  supporto da parte delle istituzioni. Ha quindi auspicato la creazione di un centro polivalente per i giovani, per ridare giusto spazio alle attività culturali; inoltre ha parlato della necessità di valorizzare il territorio con tutto il bagaglio culturale lasciato dalle vecchie generazioni.

La Dott.ssa Casinelli Angela, partendo dalla sua esperienza professionale ha illustrato alcuni punti del programma tesi a mantenere alta l’attenzione sul settore sanitario: l’istituzione di un centro medico diurno e notturno per assicurare le cure primarie, l’apertura di una campagna di sensibilizzazione per la lotta all’obesità, e, per il centro storico, il ripristino immediato dei servizi igienici, la derattizzazione, l’istituzione di un punto dotato di defebrillatore.

A seguire l’intervento di Lancia Anna, responsabile economico-finanziario della Comunità montana, la quale ha auspicato, per il Comune di Arpino, un percorso di risanamento e di progressione; ha quindi “snocciolato” cifre impietose che si commentano da sole: la  delibera commissariale del 18/02/2013 evidenzia un disavanzo di circa 5 milioni di euro, derivanti da una eccedenza di spese sulle entrate, da debiti fuori bilancio, da  residui attivi, ossia cifre, inizialmente previste come entrate, ma  che  non verranno mai incassate e quindi divenute passività e, infine, da  liti arbitrali e transazioni. Queste cifre, riferite all’esercizio 2011,  sono purtroppo destinate a crescere, nel momento in cui si tireranno le somme del 2012. Al termine dell’intervento un commento sull’operato delle precedenti amministrazioni, le quali, che più che pensare ad erogare servizi ai cittadini hanno compiuto operazioni finanziarie temerarie, che un ente pubblico non dovrebbe mai effettuare , vedasi la sottoscrizione dei derivati di tasso.

Un riferimento molto conciso, riferito  alla “natura del debito” è stato fatto dal candidato Maola Fabio, il quale ha portato l’esempio del buon padre di famiglia che lascia debiti perché, magari, ha costruito una casa, a  differenza di colui che lascia debiti perché ha sperperato. Nel caso del comune di Arpino, è chiaro che i debiti non derivano da investimenti strutturali, bensì da sperperi per il mancato contenimento della spesa corrente. Ha quindi parlato della sua esperienza commerciale in zona intercomunale di Carnello, delle opportunità che un Comune deve offrire a tutti gli imprenditori, artigiani e liberi professionisti, in termini di servizi, erogati fino ad ora in modo disomogeneo ed assistenzialistico.

Il candidato Quadrini Dino, esperto in materia edilizia, ha parlato dell’annoso problema derivante dalla mancanza del piano regolatore, ossia lo strumento primario di pianificazione territoriale, in assenza del quale Arpino vive una “preistoria urbanistica”   rispetto ai comuni limitrofi. Per contro, la revisione delle zone Asi, fatta in modo caotico e disordinato, ha portato ad un consistente aumento della tassazione a carico di quei proprietari di terreni divenuti aree industriali, anche se completamente intercluse: di qui un territorio senza una progettualità, che va assolutamente riorganizzato.

A chiudere gli interventi dei candidati è stato Tomaselli Daniele, l’unico insieme a Quadrini Dino ad aver partecipato anche alla scorsa tornata elettorale, ha parlato anche lui di giovani, del loro diritto a vivere in un paese che dia l’opportunità di scegliere il loro futuro; non sono mancati riferimenti al degrado che regna in ogni angolo del paese, in particolare su tutta l’area cimiteriale, che necessita di opportuni interventi.

A seguire un breve saluto di due ospiti presenti in sala: il Maresciallo Antonio Benvenuto, della Associazione Nazionale Carabinieri ed il Generale Medico Co.Sa. Dottor Franco Battista.

Infine, l’intervento conclusivo del Candidato a Sindaco, Gianluca Quadrini, il quale, nel presentare il simbolo della lista ha ringraziato  Piero Albery per l’ottimo lavoro svolto come grafico; ha quindi ripercorso le tappe più salienti del suo percorso politico con Dino Giovannone, culminato con la decisione di superare le rispettive collocazioni politiche, e  dar vita al “patto per la città”.

E’ un progetto che li vedrà impegnati come politici in grado di “bussare” alle porte per portare risorse ad Arpino, a fianco di una squadra totalmente nuova, che non avendo legami con il passato saprà costruire un futuro diverso. Di qui il monito agli elettori, affinché leggano con attenzione la composizione delle altre liste, dove non manca la presenza di illustri  politici. Infine ha illustrato i punti più salienti del suo programma, da realizzare con costi esigui: tanti progetti sono a costo zero, tanti altri potranno essere realizzati con la semplice riorganizzazione delle risorse umane dell’ente. Al termine lo slogan della lista: non vi promettiamo la luna, ma un raggio di sole!

Commenti

wpDiscuz
Menu