3 luglio 2012 redazione@sora24.it
LETTO 147 VOLTE

EURO2012: NAZIONALE. PRANDELLI "CON LA SPAGNA POTEVO AVERE PIU’ CORAGGIO"

CRACOVIA (POLONIA) (ITALPRESS) – “Sono stato bravo a non sentire nessun commento e a mantenere sempre equilibrio nel dare dei giudizi. Forse nell’ultima partita avrei dovuto avere un po’ di coraggio nel rivoluzionare la squadra ma sarebbe stata una mancanza di rispetto e di riconoscenza nei confronti di chi mi aveva portato alla finale”. Il ct azzurro Cesare Prandelli, all’indomani della finale europea persa contro la Spagna, ammette che forse ieri avrebbe potuto fare qualche cambio nella formazione che ha schierato, anche se la Spagna ha meritato a prescindere. “Possiamo essere orgogliosi di questa italia, abbiamo proposto una squadra corretta, che ha fatto vedere un calcio propositivo, non ha creato alcun tipo di polemiche, ricevuto complimenti di tutti e per la prima volta una panchina si alzava per andare a salutare gli avversari. Abbiamo avuto idee, forza di cambiare, abbiamo portato in nazionale la mentalita’ di club. Siamo un Paese vecchio, con
tante cose da cambiare. Noi siamo venuti qui per cambiare, per perseguire un’idea senza farci condizionare dal risultato” ha detto il ct. “La vittoria avrebbe fatto bene a tutti ma perdere l’equilibrio a tanti. Ci vuole tempo per arrivare alla continuita’, se vogliamo rinnovare dobbiamo farlo per lungo tempo e non vivere per un risultato. Forse non siamo ancora pronti a vincere e quando lo saremo saremo pronti per rivincire, altrimenti avremo sempre picchi e anni bui” ha detto il ct che ha tirato fuori qualche sassolino, a partire dalle critiche ricevute per aver scelto il figlio Niccolò per far parte del suo staff. “Quando ho fatto le convocazioni non hanno messo in risalto quello, ma che avevo portato mio figlio, che e’ un professionista, di cui avevo bisogno nello staff tecnico. Ci sono rimasto molto male perche’ la critica sportiva l’accetto sempre, ma quando si va ad attaccare la persona non l’accetto. Il ragazzo e’ venuto 35 giorni con noi, lo ha fatto con piacere e non fara’ vacanze perche’ da domani partira’ per il ritiro col Parma”. Prandelli ha anche affermato di aver ricevuto tante telefonate, tra queste quella gradita di Capello, ed ha confermato di voler restare alla guida della Nazionale, a meno che le cose prendano una brutta piega. “Sono sincero quando parlo di progettualita’, ho rispetto per la Figc, noi abbiamo la voglia di costruire qualcosa, ma se tra sei mesi i problemi non saranno risolti, se devo allenare una squadra che in otto mesi fa due allenamenti una riflessione la faro’”.

Fonte: www.italpress.com

Commenti

wpDiscuz
Menu