1 luglio 2012 redazione@sora24.it
LETTO 154 VOLTE

EURO2012:PRANDELLI "NAPOLITANO EMOZIONANTE, SPAGNOLI I MIGLIORI"

KIEV (UCRAINA) (ITALPRESS) – “La Spagna e’ la migliore al mondo,
l’ha dimostrato in questi anni mantenendo le proprie caratteristiche, ho sempre detto che e’ la squadra da battere”. Lo ha detto il ct azzurro Cesare Prandelli alla vigilia della finale europea contro la Spagna. “La Spagna non e’ solo possesso palla, ma anche la capacita’ di riconquistare palla lontano dalla propria porta – ha aggiunto poi Prandelli – La Spagna riesce sempre ad accorciare con grande tempismo. Noi dovremo essere bravi nei momenti giusti per avere superiorita’ numerica in certe zone del campo. Non siamo cosi’ presuntuosi dal dire che faremo la partita dal primo all’ultimo, ma abbiamo la consapevolezza per dire che faremo la partita quando gli avversari ce lo permetteranno”. A chi, un po’ provocatoriamente, gli ha chiesto di parlare del cambio di mentalita’ dal catenaccio al possesso palla, Prandelli ha detto che “Sin dalle partite di qualificazione abbiamo sempre cercato di esaltare le qualita’ dei nostri giocatori. Magari rischiamo qualcosa, ma in due anni di allenamento palloni alti non se ne sono mai visti. Dobbiamo continuare cosi’, e’ una strada difficile, ma potra’ essere vincente”. Il commissario tecnico azzurro ha spiegato poi come intende affrontare gli spagnoli. “Mi auguro di poter fare una gara propositiva, dove il primo obiettivo e’ quello di chiudere gli spazi per poter riconquistare la palla – ha fatto notare – L’importante per noi e’ mantenere la concentrazione per l’obiettivo e cioe’ chiudere gli spazi soprattutto centralmente. A tre dietro? No, abbiamo mantenuto un certo equilibrio, abbiamo capito che possiamo metterci così anche durante la gara”. Ad aprire la conferenza stampa era stato l’invito che il Presidente della Repubblica ha fatto agli azzurri per lunedì al Quirinale a prescindere dal risultato della finale. “Non sono rimasto sorpreso dall’invito – ha detto Prandelli – perchè abbiamo un capo dello Stato che ha dimostrato la sensibilita’ e la capacita’ di leggere bene certe situazioni. Per me questa e’ la base su cui partire per certe situazioni. Quando una squadra ha dato il massimo delle proprie possibilita’ deve essere solo applaudita”.

Fonte: www.italpress.com

Commenti

wpDiscuz
Menu