giovedì 27 agosto 2015

Folle spedizione punitiva di tre ventenni

La scorsa notte ad Arce, i Carabinieri della locale Stazione, insieme al personale dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Pontecorvo, hanno arrestato un 22enne di Frosinone, un 24enne di Fontana Liri ed un 23enne di origine albanese (gli ultimi due già censiti), per “concorso in danneggiamento, minaccia aggravata e violazione di domicilio”.

User comments

User comments

I tre giovani, nella tarda serata di ieri, armati di spranghe e armi da taglio, dopo essersi introdotti illegalmente nell’abitazione del padre del 22enne situata ad Arce, hanno immobilizzato l’uomo e la convivente, minacciandoli con un coltello puntato alla gola. Gli aggressori, nel medesimo contesto, hanno messo a soqquadro l’intero appartamento procurando ingenti danni ai locali, infrangendo le vetrate dell’abitazione e i vetri di tre veicoli parcheggiati nell’adiacente garage.

User comments

L’azione delittuosa posta in essere dai tre malviventi, è stata prontamente bloccata dai Carabinieri allertati dalla Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Pontecorvo, intervenuti a seguito di segnalazione pervenuta sul numero unico di emergenza “112”, evitando così che la situazione potesse degenerare ulteriormente. La preliminare attività investigativa, sviluppata dai militari operanti, ha consentito di accertare che l’evento criminoso è riconducibile a dissidi familiari tra la vittima e il figlio, conseguente alla relazione sentimentale tra il padre e l’attuale convivente.

User comments

Sul posto è intervenuto il personale del “118” di Frosinone, il quale ha riscontrato lievi escoriazioni agli arti inferiori cagionate dalle schegge di vetro, subite dal proprietario dell’abitazione e ferite lacero contuse ad entrambe le mani, procurate durante i danneggiamenti, per uno dei tre aggressori. Nella circostanza entrambi si sono rifiutati di sottoporsi alle cure mediche. Al termine delle formalità di rito, gli arrestati, in aderenza alle disposizioni impartite dalla competente A.G., sono stati accompagnati agli arresti domiciliari.

Contributi dei lettori
Menu
Ciociaria24