Pubblicità
sabato 12 dicembre 2015 redazione@ciociaria24.net

Gabriele Di Vito spiega la storia di Patto Dem alla “signora esterrefatta che cade dalle nuvole”

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa a firma di Gabriele Di Vito, coordinatore del gruppo civico Patto Democratico.

«Lo stupore della signora esterrefatta che cade dalle nuvole, pubblicato su Sora 24, mi è comunque utile per tornare a parlare della storia politica del gruppo civico di Patto Democratico, che coincide con un pezzo della storia politica di questa città. La signora si stupisce leggendo l’ultimo capitolo di questo libro, non so fino a che punto fingendo di non conoscere il resto della storia. Se fosse stata attenta alle puntate precedenti si sarebbe dovuta quantomeno stravolgere quando il consigliere comunale Enzo Petricca, eletto alle scorse amministrative nelle liste del candidato di centrodx Di Stefano, in minoranza, sia poi passato al Partito Democratico per fare infine il salto della quaglia a fare da stampella ad un’amministrazione quale quella Tersigni ormai al collasso.

Scelta avvenuta dopo aver a lungo cercato di convincere il sottoscritto di rientrare nel Partito Democratico come Presidente, carica che avevo già ricoperto nel 2011 prima del noto strappo causato dalla mancanza di capacità di fare sintesi del partito provinciale. Mi era stato chiesto di rientrare per avere un ruolo di mediatore fra le varie anime del Partito Democratico e soprattutto per rendere più incisiva l’azione di opposizione verso la maggioranza amministrativa di Tersigni. Il mio rifiuto fu dettato dall’aver percepito che a loro interessava solamente imporre con la forza il prevalere di una corrente senza cercare di trovare una sintesi, come da tempo noi auspicavamo.

E mai scelta fu più saggia, infatti solo dopo due mesi il consigliere Enzo Petricca passava in maggioranza “per il bene della città”, andando a ridare fiato ad una compagine sull’orlo dell’abisso per l’abbandono della stessa da parte dei consiglieri di Forza Italia. Questa scelta così repentina e in controtendenza con quanto da lui stesso sostenuto pubblicamente fino a qualche giorno prima, fu ancora una volta dettata dal Pd provinciale, a cui di Sora, la storia insegna, non è mai importato niente.

27170_101225256583577_4400728_n

Da allora, senza mai suscitare alcuna sorpresa nella signora, la maggioranza va avanti per il solo voto decisivo di Petricca, decidendo selvaggiamente quasi a fine amministrazione sul futuro della città. Non si meraviglia la signora di come queste scelte deleterie stiano impegnando un bilancio sempre più deficitario con opere di nessuna utilità, e a nostro avviso pericolose, quali la contestata diga sul fiume Liri in località Madonna della Neve, o, attraverso il progetto di efficientamento energetico che graverà sulle tasche dei cittadini sorani per venti anni per circa 722 mila euro annui, quando le previsioni sugli sviluppi e sui costi dell’energia vanno invece decrementando anno dopo anno…

Tutto questo per il “bene della città”, perché secondo Petricca, come dichiarato in Consiglio Comunale, non si poteva lasciare la città in mano a un commissario prefettizio, visto anche l’impegno che il Sindaco stava profondendo all’epoca per la salvezza dell’Ospedale Santissima Trinità… e sappiamo con quali risultati, esattamente come dimostra l’epilogo del Tribunale di Sora. Chiarito tutto ciò, perché la storia ogni tanto fa bene ripercorrerla, vale la pena ricordare che cinque anni fa, noi, come gruppo di Patto Democratico ci siamo già presentati al responso dei cittadini nelle scorse elezioni amministrative insieme alla lista Progetto Città e al Partito Socialista, ottenendo un buon risultato, tenuto conto delle note divisioni con il Pd ufficiale, con circa tremila voti, di cui mille in più delle liste per il nostro candidato sindaco Roberto De Donatis.

Questi cinque anni di amministrazione Tersigni hanno visto, politicamente, sin dall’inizio, un’opposizione sempre ferma e coerente portata avanti dal nostro consigliere Roberto De Donatis, dai Consiglieri Ascione e Baratta e dal consigliere Antonio Farina, passato dopo otto mesi nemmeno in opposizione. Quindici mesi fa all’opposizione si sono aggiunti i consiglieri di Forza Italia che non si riconoscevano più nell’azione amministrativa della maggioranza, dimostrando sin da subito di collaborare con impegno e senso di responsabilità all’azione di opposizione a questa maggioranza, assolutamente deleteria per la città.

Quindi un percorso comune nelle file dell’opposizione ha cementato e reso possibile la nascita della piattaforma civica proposta da Roberto De Donatis, che sulla base di una proposta amministrativa già resa pubblica con 10 punti qualificanti, si propone agli elettori per la prossima consiliatura. La piattaforma ha visto l’adesione del consigliere Antonio Farina, degli amici di Fratelli d’Italia e di Forza Italia. Queste forze si sono rese disponibili ad evitare di mischiare i temi politici nazionali con quelli amministrativi della città, attraverso il mantenimento della pregiudiziale civica, al fine di rimanere liberi nell’impostazione del progetto amministrativo per Sora.

Progetto dunque inclusivo ed aperto al contributo di tutti, cittadini, associazioni e forze civiche, per un’alternativa che vuole e deve essere di “Salute Pubblica” oltre le appartenenze e le diverse sensibilità.
Ecco perché siamo noi meravigliati dello stupore della signora Mirella Gemmiti, e soprattutto del fatto che si è professata essere stata nostra elettrice, mai vista in nessun nostro incontro pubblico. Ci chiediamo se invece questo amore deluso in realtà nasconde il desiderio che Patto Democratico, continui a rimanere isolato e a dare meno fastidio e preoccupazioni all’attuale maggioranza, senza il contributo delle forze che danno corpo e sostanza alla necessità di voltare pagina. Forse è questo lo scopo delle sue parole denigratorie e anche prive della necessaria educazione che i nostri sostenitori hanno sempre dimostrato in ogni occasione. Buon Natale e buon anno di cambiamento a tutti».

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI DI OGGI
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA
Menu