mercoledì 10 agosto 2016 redazione@sora24.it

Giorgio Lucarelli ci aggiorna dal Nord America: l’avventura continua, ma quante difficoltà!

Nuovo aggiornamento di Giorgio Lucarelli dal “profondo” nord America, ancora una volta corredato da splendide foto!

«Deer Lake (Isola di Terranova)… Ottavo aggiornamento… Trentasettesimo giorno di Ciclo Viaggio…. Percorsi 4622 km… Non dirò e non scriverò più che il meteo è dalla mia parte!!! Giuro!!! Ci siamo lasciati a Port Hope Simpson in Labrador..Da Domenica mi trovo sull’Isola di Terranova. Vengo a qualche giorno fa e cosa è successo in questi giorni di silenzio… Torno alla mattina della partenza da Port Hope Simpson, sulla TransLabrador Highway… Mi preparo per la colazione e uscendo dalla camera, fuori praticamente diluvia, Giove Pluvio è davvero incazzato.

Io mi preoccupo e non poco per tutta quella pioggia, so per esperienza cosa significa pedalare su una sterrata in ghiaia e terriccio. Dempster Highway docet…!!! Tornano alla memoria quei terribili momenti di un anno fa a Inuvik. Parto per la nuova tappa alle 8,00..Dopo circa due ore i primi problemi con il cambio, la catena è sporca di fango e tocca pulirla (??). E come ?? Con dei piccoli ramoscelli riesco a togliere qualcosa ma è poco… Tutto il movimento centrale e cambio posteriore fa rumore… Poi inizia a saltare la catena. Inizio a preoccuparmi, non transita nemmeno un auto, se avessi bisogno di aiuto. Comunque proseguo, la strada sale fino ai 328 metri sul livello del mare. La pioggia non ha mai smesso nel frattempo, fortuna che la strada ha retto. Riesco a pedalare, con fatica maggiore ma pedalo e questo è importante. Trascorrerò la notte in foresta, non c’è scelta. Spero almeno che smetta il tempo necessario per montare la tenda. Giove mi ascolta (!!) velocissimo monto la tenda pero’ e metto tutto il materiale al riparo.

Il giorno dopo, sabato 6 Agosto una delle giornate peggiori da quando viaggio… Tutta la notte pioggia a “secchiate”, la mattina smonto la tenda sotto un temporale. Non ho scelta nuvole bassissime, freddo, non ho alternativa, devo ripartire. La sterrata scende fino a Red Bay, purtroppo alla pioggia si unisce anche un vento laterale che più volte mi ferma quasi a scaraventarmi a terra !!! Anche la sterrata è molto pegggiorata, buche come crateri e ghiaia che quando pedalo le ruote affondano nel fango. La catena mi da ancora problemi, davvero molto preoccupato. Finiti i problemi secondo voi ??? No, il problema più grave è in agguato… Il problema più grande ce l’ho in discesa, i freni non frenano.

La mia fortuna è stata quella di averli provati casualmente. Se fossi partito immediatamente non so cosa sarebbe accaduto. Sono troppo sporchi i “tacchetti”. Non passa nessuno, non passerà nessuno per un paio di ore. Sfido io con quel tempo da lupi… Ho toccato con mano cosa significa vivere l’ostilità meteo del Labrador. Immagino in inverno cosa succede !!! Tornando ai freni, mi tocca scendere e accompagnare la bici, meno male che le discese erano tre o quattro e non troppo lunghe. Arrivo a Red Bay, cerco una officina o qualcosa di simile, è sabato, tutti a casa.

Riparto sotto un diluvio, cerco di avvicinarmi quanto più possibile a Blanc Sabon, perché devo imbarcarmi il giorno dopo per l’Isola di Terranova. La pioggia non ha mai smesso, il freddo si fa sentire, temperatura di 8-9 gradi, sono tutto infreddolito anche con il goretex, l’umidità si fa sentire. Purtroppo mi trovo sulla costa, purtroppo ci sono salite e discese e questa volta discese lunghe con pendenze importanti. Cerco un passaggio, faccio l’autostop, troppo carico forse, nessuno mi rimorchia. A piedi, un po’ sulla bici frenando con le scarpe (!!!) perdendo però tantissimo tempo riesco a risolvere momentaneamente il problema. Devo però risolvere assolutamente e vedere cosa è successo ai freni.

Arrivo alle 19,00 a Forteau, in un gas station entro per scaldarmi. La signora del gas mi offre gentilmente una tazza di caffé. Chiedo se c’e un motel, un bed… Lei si preoccupa e chiama prima e mi accompagna dopo al bed and breakfast. GENTILISSIMA !!!! Al bed la mia camera è riscaldata, i proprietari hanno il camino acceso. Vado in garage e incontro Shone, motociclista americano. Parlando gli dico del problema e lui mi aiuta, abbiamo tirato il filetto, pulito bene il cerchio, oliato bene il freno… Va sicuramente meglio un piccolo problema ancora con il freno posteriore… Domenica 7 è il giorno dell’imbarco a Blanc Sabon… Parto molto presto perché non voglio correre rischi, ad ogni discesa sono palpitazioni!!! Pensate in un’ora e venti minuti attraverso tre territori: Labrador, Quebec e Isola di Terranova… Io a questo ci penso mentre pedalo e penso anche ai fusi orari… Ansia!!!

Non so se le lancette vanno messe avanti, indietro, di quando… Per farla breve l’orario è di mezz’ora avanti rispetto al Labrador, e si perché il traghetto parte in territorio del Quebec. Mi è andata benissimo, sono arrivato alle 7,45… Il ferry è partito puntuale alle ore 8,00. Sono quindi a Terranova, nei tre giorni passati è accaduto davvero di tutto. Ho perso molto tempo, ho lasciato per “strada” molti chilometri. Nei due giorni che ho pedalato sulla 430, la nuova strada che corre verso Sud e che è terminata oggi a Deer Lake, c’è stato molto vento contrario.

Ieri ho pedalato per 11 ore, cercando di recuperare qualche km. Se nei prossimi giorni sulla TransCanadian, la nuova strada che dovrebbe portarmi a St. John non guadagno chilometri, sarò costretto a rivedere i programmi. Devo ASSOLUTAMENTE STARE AD ARGENTIA LUNEDI PROSSIMO ALLE 17,00 per la lunga traversata in nave fino in Nuova Scotia e poi l’arrivo ad Halifax il 20 agosto. Avevo già studiato a casa preventivamente una alternativa. Comunque nei prossimi giorni vedrò. Io sto benissimo e se il meteo me lo consentirà cercherò di arrivare alla meravigliosa St.John. Ora ho fame e vado a cenare… Ho gia’ avvertito la signora, per domani niente uova e bacon… Vi abbraccio…!!!».

13939520_943143195813569_5579560826424331098_n 13962579_943143202480235_2619063208335114828_n 13938457_943143409146881_2976139421493372688_n 13932905_943143549146867_4841025361608677054_n 13892319_943143199146902_6950772134360932314_n 13886520_943143579146864_4101493620586824440_n 13882650_943143399146882_400830419715516882_n 13882085_943143412480214_2156958649524113071_n 13876258_943143569146865_5381917405913339868_n

 

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
scrivi un commento

Commenti

wpDiscuz
scarica la nostra App
Per ricevere le notizie sul tuo smartphone o tablet: clicca qui e scarica gratis l'App
gli articoli più letti