28 settembre 2017 redazione@sora24.it
LETTO 3.474 VOLTE

Giugliano in Campania e Sora: una storia lunga 400 anni. Sabato arriveranno in cento per San Giuliano

Fu la Duchessa di Sora, Costanza Sforza di Santa Flora a far portare le reliquie del santo nella chiesa di S. Spirito.

Sabato 30 settembre, oltre 100 persone da Giugliano, in provincia di Napoli, si metteranno in viaggio verso Sora per venerare S. Giuliano, protettore della loro città. Accolti nella cattedrale di Sora dal vescovo, mons Gerardo Antonazzo, dopo la celebrazione della santa messa, si recheranno a visitare la piccola chiesa che conserva la tomba del santo a Sora nella zona di San Giuliano.

Il pellegrinaggio avrà inizio alle 9.30 e rappresenta un momento di condivisione e di comunione tra le due Città ,la nostra e la campana, sotto la protezione del giovane martire decapitato a Sora. Alcuni documenti testimoniano che nel 1614, le sue reliquie furono ritrovate nel luogo del martirio e portate, per ordine della duchessa Boncompagni, nella chiesa di S. Spirito a Sora, costruita per volontà della stessa duchessa.

Successivamente da S. Giugliano di Napoli arrivò una delegazione da parte del vescovo che chiedeva alcune reliquie del Santo. Così fu e San Giuliano di Sora diventò il patrono di San Giugliano (Na). Per questo motivo, infatti, lo scorso 17 settembre da Sora, oltre cinquanta persone si sono recate, insieme al parroco, don Francesco Cancelli, a Giugliano per gli inizi dei festeggiamenti in onore del martire Giuliano, accolti con tanta calore dal parroco del posto e da tutta quella comunità. Ed ora questo gemellaggio di fede continua.

Lucia Baldesarra
Foto “Pastorale Digitale” www.diocesisora.it

Commenti

wpDiscuz
Menu