mercoledì 3 aprile 2013 redazione@sora24.it

Gli imprenditori che amano il loro territorio… (di Lorenzo Mascolo)

Il successo di un territorio è strettamente correlato all’umanità degli imprenditori che vi operano. Investire nella città dove si risiede e si lavora, soprattutto quando questa ha urgente bisogno di infrastrutture ed iniziative per elevare il suo livello socio-culturale, oppure in tempi di crisi come quello che stiamo vivendo, conferisce grandissimi meriti a quei pochissimi che possono allargare i cordoni della borsa e lo fanno, dimostrando con i fatti di amare la loro terra.

L’attuale congiuntura economica, ad esempio, richiede un grande sforzo da parte di coloro che hanno a cuore la propria impresa. In Toscana lo hanno capito e sono passati all’azione. Nella zona di Lucca, difatti, è nato il progetto LU.ME., letteralmente “Lucca Metalmeccanica”, praticamente “Metalmeccanica lucchese per la valorizzazione del territorio”.

LU.ME. nasce dalla volontà di un gruppo di dieci imprese metalmeccaniche lucchesi, con il supporto dell’Associazione Industriali di Lucca. Le aziende partecipanti, oltre a favorire ovviamente la diffusione della cultura dell’impresa metalmeccanica tra gli studenti, sosterranno le scuole superiori, promuoveranno concorsi a premi tra i giovani, stipuleranno convenzioni per il personale dipendente e le loro famiglie, si occuperanno di emergenza sociale. In una parola: ameranno gli abitanti della Lucchesia. Che, a sua volta, passata la crisi economica, ameranno e proteggeranno le imprese dove lavorano.

Sicuramente Sora non ha la forza di dieci aziende metalmeccaniche,  con un numero complessivo di dipendenti pari a 2.681 unità ed un fatturato totale di 1.127.436.000,00 euro. Ma è anche vero che, nei limiti del possibile, si potrebbe fare qualcosa di proporzionale alle risorse del territorio. Ci fosse anche solo un giovane intenzionato a fare impresa nel Sorano, deve essere aiutato.

Lorenzo Mascolo – Sora24

Commenti

wpDiscuz
Menu