12 marzo 2014 redazione@sora24.it
LETTO 982 VOLTE

Gli studenti del Liceo Scientifico di Sora tra le meraviglie di Arpino

“Integrate lo studio scolastico con la conoscenza diretta delle opere. Siate voi esploratori diretti del messaggio che gli artisti hanno lasciato nei secoli. Non vi accontentate mai.” Questo l’invito che il prof. Herwart Röttgen, introdotto dal sen. Massimo Struffi, ha lanciato nel salone di rappresentanza di Palazzo Boncompagni agli studenti delle scuole superiori del territorio, che non hanno voluto mancare ad un appuntamento unico e forse irripetibile. Invitati dal Consigliere delegato ai grandi eventi, ing. Andrea Chietini, che ha curato personalmente tutte le iniziative de ”Le meraviglie di Arpino” ed organizzati dal Comitato arpinate della Società Dante Alighieri, gli studenti arpinati e sorani hanno ascoltato in “religioso silenzio” l’illustrazione dell’ultima ricerca che lo studioso tedesco ha dato di recente alle stampe sull’opera grafica de Il Cavalier d’Arpino.

In particolare gli studenti del Liceo Scientifico di Sora, scelti tra le eccellenze delle quarte classi, hanno voluto subito cogliere l’occasione che loro si presentava e, accompagnati dai loro docenti di Storia dell’Arte M. Antonucci, P. Sangermano e L. Biganzoli,  ma particolarmente dal prof. Rottgen, dopo la ‘lectio magistralis’, si sono recati nella Collegiata di San Michele Arcangelo in Piazza Municipio per prendere contatto dal vivo con alcune opere del Cesari ivi presenti. “Un’esperienza unica che vorremmo ripetere. Ringraziamo quanti si sono adoperati a che noi potessimo essere di nuovo qui ad Arpino, che scopriamo nelle sue particolarità, evento dopo evento. Il prof. Röttgen è stato un cicerone d’eccezione che ci è venuto incontro, – hanno dichiarato gli studenti del Liceo scientifico di Sora – ha risposto alle nostre domande e ci ha introdotti in modo più familiare nella vita umana ed artistica de Il Cavalier d’Arpino. Grazie al nostro Dirigente scolastico, ai nostri insegnanti, al Sindaco della Città, alla Pro loco ed al sempre attivo Comitato Dante di Arpino per questa eccellente opportunità.”.

Commenti

wpDiscuz
Menu