17 settembre 2014 redazione@sora24.it
LETTO 10.438 VOLTE

I Sorani (ma anche i forestieri) e le rotatorie nel racconto “tragicomico” di Federico

«Il mio nome è Federico, ho 27 anni e scrivo da Sora. Con questa mail vorrei esprimere tutta la mia incredulità (ormai posso definirla così) nel vedere quanti automobilisti distratti (o forse sarebbe meglio dire furbi) girano per le nostre strade. Personalmente sono arrivato ad avere paura di percorrere alcuni tratti della nostra cittadina e in particolare mi sto riferendo alle due nuove rotatorie in via di costruzione nei pressi del Ponte di Ferro (Ponte San Lorenzo ndr) e quella subito prima (incrocio via Marsicana), da sempre un punto clou del traffico sorano specie nelle ore di punta.

Se nella prima bene o male quasi tutti hanno capito i meccanismi della rotatoria, di certo non si può dire lo stesso della seconda (quella subito vicino la famosa croce). Mi spiego: chi proviene da via Marsicana e si accinge ad affrontare la rotatoria deve fermarsi a priori, se nel mezzo della rotatoria stanno transitando degli altri veicoli. Purtroppo questo lo fa solo chi deve girare in direzione Broccostella (oppure per via Firenze), mentre chi deve proseguire dritto verso il ponte crede di avere diritto alla precedenza e passa dritto senza fermarsi.

Ma veniamo al bello! Nella parte opposta della rotatoria, chi proviene dal Ponte di Ferro e procede in direzione Broccostella o svoltare per via Firenze, anziché fermarsi e dare precedenza a chi sta affrontando la rotatoria, addirittura accelera e passa come un lampo senza nemmeno preoccuparsi più di tanto! Questa storia va avanti fin da quando sono state installate le rotatorie provvisorie e continua ad andare avanti anche adesso, nonostante siano in via di realizzazione. La cosa bella è che da qualche settimana è stata dipinta la segnaletica orizzontale temporanea sulla strada, con tanto di vernice gialla e sono ben visibili i triangoli (davvero impossibile non notarli!) che stanno ad indicare che bisogna dare precedenza!

Come detto in apertura di mail, oramai ho paura ad affrontare quel tratto di strada perché ogni volta sono costretto a frenare all’ultimo secondo per evitare collisioni con i “piloti” di turno. L’ultimo episodio ieri sera: come sempre, naturalmente, mi sono preso le imprecazioni e le bestemmie di questa gente, nonostante io abbia provato, con garbo e gentilezza, a far notare il segnale di dare precedenza sull’asfalto. Spero possiate fare un articolo in merito a questa storia, perché sono convinto che molte altre persone si trovano nella stessa mia condizione. Ma soprattutto per far capire i meccanismi di una rotatoria agli automobilisti sbadati e a sensibilizzare invece i furbetti. Grazie ancora dell’attenzione».

Cordialmente

Federico

Commenti

wpDiscuz
Menu