Pubblicità
martedì 24 maggio 2016 redazione@ciociaria24.net

Il grande abbraccio di Sora a don Bruno e il ringraziamento del sacerdote “inquieto”

Un sacerdote amatissimo. Non esiste parola più adatta per spiegare chi è don Bruno nell’immaginario collettivo del popolo sorano. Ieri, in occasione dei suoi ottant’anni, nonostante il giorno feriale e l’orario (le 18:00), un mare di gente ha partecipato alla consueta funzione religiosa pomeridiana del Mese Mariano, presieduta per l’occasione dal Vescovo, Mons. Gerardo Antonazzo, e da un nutrito gruppo di sacerdoti diocesani.

Al termine della celebrazione eucaristica, tutti i partecipanti si sono avvicinati all’altare, trasformando l’abbraccio ideale dell’assemblea in un abbraccio fisico che è andato avanti almeno per un’ora. Con poche ma significative parole Don Bruno ha commentato il raggiungimento di questo nuovo importante traguardo: «L’involucro è di un ottantenne, quello che c’è dentro è di un diciottenne».

Secondo il sacerdote di origini sandonatesi, infine, la ricetta per sentirsi ancora giovani è essenzialmente basata su un semplice quesito, ovvero bisogna domandarsi: «Sei inquieto?» Se la risposta è sì, allora è tutto a posto e si può continuare ad affrontare la vita quotidiana con lo spirito giusto.

13275668_10208203050187209_1962597744_n 13288839_10208203048507167_1571691550_n 13295257_10208203048627170_2073438223_n 13295300_10208203049267186_940143373_n

13271656_10208203048147158_1335234328_o

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI DI OGGI a Sora
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA
Menu