10 giugno 2013 redazione@sora24.it
LETTO 1.182 VOLTE

Il TAR boccia ancora la soppressione anticipata del Tribunale di Sora [FOTOGALLERY]

Il Tar Lazio Sezione di Latina, ribadendo l’orientamento già espresso con il decreto camerale dello scorso 3 maggio, ha sospeso definitivamente l’efficacia esecutiva dei provvedimenti del Presidente del Tribunale di Cassino con i quali era stato anticipato l’accorpamento a Cassino della Sezione di Sora del Tribunale rispetto alla data prevista del 13 settembre prossimo. Il Tribunale ha ritenuto che non esistono nel vigente Ordinamento Giudiziario norme che consentono ai dirigenti degli Uffici Giudiziari, nell’esercizio del potere organizzatorio e quali che siano le legittime ragioni sottostanti, di realizzare un più o meno generalizzato trasferimento anticipato di competenze dalla Sezione Distaccata alla sede centrale del Tribunale. La Sezione di Sora, dunque, per i prossimi mesi continuerà a servire l’utenza regolarmente e senza soluzione di continuità.

Un risultato importantissimo per il Comune di Sora e per oltre 160 avvocati del comprensorio sorano che hanno creduto fermamente nell’importanza della Sezione di Sora quale presidio irrinunciabile di giustizia di prossimità e fatto sentire la loro voce partecipando attivamente alle manifestazioni di protesta nazionali organizzate dall’avvocatura (da ultimo a Roma il 30 maggio).

L’attenzione trasversale alla problematica della Sezione del Tribunale mostrata anche dai rappresentanti politici locali viene salutata con soddisfazione ed è auspicabile che a questo punto nessuno abbassi la guardia.

Il mancato trasloco anticipato di magistrati, personale di cancelleria, fascicoli, avvocati e cittadini comuni consentirà, inoltre, di guardare con maggiore tranquillità e fiducia a quanto accadrà da qui a pochi giorni (il 2 e 3 luglio) quando la Corte Costituzionale si pronuncerà sulle questioni di legittimità costituzionale sollevate sulla riforma della geografia giudiziaria da numerosi Tribunali e Regioni. Senza tacere che due disegni di legge (frutto di una positiva convergenza di tutte le forze politiche) attualmente all’esame della Commissione Giustizia del Senato, potrebbero ben presto sfociare nell’approvazione della proroga generalizzata di un anno della entrata in vigore della riforma.

Non va sottaciuto infine che analoga battaglia è già stata portata a termine dall’amministrazione comunale di Sora e dagli avvocati del comprensorio con il mantenimento dell’Ufficio del Giudice di Pace di Sora che rimarrà l’unico Ufficio della circoscrizione oltre a quello di Cassino.

[nggallery id=996]

Commenti

wpDiscuz
Menu