21 giugno 2012 redazione@sora24.it
LETTO 779 VOLTE

ISOLA DEL LIRI – Gianni Scala: “Antonella Di Pucchio e Massimo Scarpetta sono dei bugiardi”

Gianni Scala, dal 2000 al 2005 Presidente del Consiglio Comunale con la prima giunta Quadrini, successivamente assessore al bilancio nella seconda giunta Quadrini e confermato a tale incarico dal sindaco Luciano Duro sino al fatidico “ribaltone”. E’ stato lui “l’innominato” nel corso della discussione in consiglio sul conto consuntivo 2011 quando prima il neo assessore al bilancio Di Pucchio e poi il capogruppo Scarpetta avevano parlato di “situazione pesante”, “bilancio non veritiero” e addirittura “…praticone”.

“Non mi curo degli interventi della Di Pucchio e di Scarpetta – afferma Gianni Scala – che hanno confermato la loro incapacità ad una analisi politica di uno strumento contabile complesso. Sono perplesso per l’atteggiamento di Luciano Duro e Domenico Morsilli che stanno svendendo dieci anni di amministrazione, di situazioni drammatiche ereditate, affrontate e risolte. Questo bilancio e’ figlio di un decennio in cui la gravosa eredità dell’era Magliocchetti, quello rimpianto da Scarpetta, rischiava di mettere in ginocchio una interà città. Ci sono volute scelte, anche di bilancio, dolorose, la tenacia di un sindaco come Quadrini e le capacità si un tecnico come Gemmiti, per far si che oggi l’area Boimond, il PRU Pisani, il parcheggio Trito, i contratti di quartiere, solo per citarne alcune, non fossero delle incompiute. Luciano Duro e Domenico Morsilli sono stati esponenti di quelle giunte per dieci anni votando tutti i bilanci di precisione e tutti i conti consuntivi.

Non basta ora dire “ci assumiamo le nostre responsabilità ”per salvare la faccia dal ribaltone, io sono orgoglioso di assumermi i meriti del lavoro fatto”. E le polemiche sulle criticità del bilancio?: ”Ripeto il conto consuntivo va visto sotto un aspetto politico ed analizzato tenendo conto della situazione dalla quale proviene. Nel nostro caso, aldilà dell’avanzo di amministrazione di oltre 600.000,00 euro, l’indebitamento è passato da oltre 10 mil. di euro nel 2008 a 6,4 mil. di euro nel 2011 con una incidenza degli interessi passivi sulle entrate correnti scesa al 6.4% al di sotto dei limiti massimi previsti dalle leggi.

Una situazione strutturale quindi sotto controllo. Rispetto alla situazione corrente invece, le difficoltà non sono certo maggiori di quelle che incontrano tutti gli enti locali in questi momenti. Non è corretto estrapolare alcune dichiarazioni da una relazione di ispettori ministeriali senza che la stessa sia stata integralmente messa a conoscenza del consiglio, così come è ridicolo parlare della esposizione per la raccolta dei rifiuti senza citare l’ammontare dei ruoli coattivi in riscossione e senza soprattutto citare i residui 2011 della TARSU che, e’ notorio, si incassa a cavallo di due esercizi finanziari.

Non voglio parlare poi del tentativo maldestro e ridicolo di insinuare ammanchi e di chiedersi retoricamente che fine abbiano fatto. A questo proposito vorrei ribadire tutta la mia stima personale e di tutto il gruppo “Patto con la città…” alla responsabile del servizio finanziario dell’Ente, dott.ssa Claudia Marra, la cui competenza, professionalità, correttezza e dedizione sono state un punto fermo ed una certezza in questi anni.” Le polemiche sono destinate ad aumentare in vista dell’approvazione del bilancio di previsione:”Il documento di previsione 2012 non mi risulta ancora approvato dalla giunta.

L’assessore Di Pucchio e il vice sindaco Mancini dimostrano di essere dei bugiardi perché già da tempo hanno annunciato sulla stampa che il documento era pronto. La mia preoccupazione e’ che il ritardo e soprattutto il polverone che stanno alzando sulle presunte difficoltà dell’ente, paventando perfino un’impossibilità a pagare gi stipendi, serva loro per giustificare la necessità del vergognoso “ribaltone” operato da Luciano Duro e, soprattutto, per giustificare una stangata sugli isolani a partire dalle aliquote IMU che si vociferà saranno spostate notevolmente verso l’alto. Il gruppo consiliare “Patto con la città…” non tradirà il patto con gli elettori e sarà pronto ad esaminare attentamente il bilancio di previsione ed a denunciare le bugie ed il tradimento di Luciano Duro.

Commenti

wpDiscuz
Menu