12 febbraio 2014 redazione@sora24.it
LETTO 792 VOLTE

La “Giornata del Ricordo” all’ITCG Cesare Baronio di Sora

I docenti del Baronio hanno voluto che i ragazzi avessero occasione di conoscere, ma anche di riflettere su questa difficile pagina della nostra storia recente, perché l’assunto sempre valido è che educare alla memoria, condurre i giovani a riflettere su ciò che è stato, serve perché non debba più ripetersi, rappresenta una tappa importante nella marcia della memoria e nella salvaguardia dei diritti.

La mattinata è stata particolarmente toccante, perché nella palestra dell’Istituto, accanto ai ragazzi, oltre alle pagine, alle canzoni, ai video che erano stati individuati per commemorare la giornata, c’è stata la presenza di due eleganti signore: Nerina Germanis e Nives Stepancich, cittadine fiumane, italiane in fuga nel secondo dopoguerra, profughe a Gaeta, che hanno raccontato la propria esperienza.

Emozionato ed emozionante il racconto delle signore, che hanno voluto ribadire come il loro allontanarsi da Fiume, allora, il loro optare per la partenza, fu certamente per sfuggire al pericolo delle foibe, nella speranza di una vita migliore, ma fu prima di tutto la dichiarazione di un profondo amore di Patria: volevano essere, orgogliosamente, italiane e libere.

I ragazzi hanno ascoltato con attenzione, si sono commossi, si sono stupiti di particolari che non conoscevano: un’esperienza importante, perché la testimonianza diretta delle signore ha arricchito la mattinata ed ha permesso di “toccare” la Storia, sentendola vicina, pur in tutta la sua drammaticità.

Molto soddisfatto dello svolgersi della mattinata il Dirigente Scolastico, prof. Vinicio Del Castello che ha voluto sottolineare la forza di questa riflessione sull’art. 3 della Costituzione che sta occupando i ragazzi: “Un lavoro attento di approfondimento, che vuole far riflettere i ragazzi sulle mille sfaccettature dell’art. 3 della nostra Costituzione, sul valore immenso dei diritti e sull’importanza della conoscenza della Storia per poter comprendere ciò che è accaduto e ciò che accade intorno a noi.”

BARONIO_660

Commenti

wpDiscuz
Menu