15 ottobre 2014 redazione@sora24.it
LETTO 2.917 VOLTE

La Scuola Selva di Sora vince l’ennesimo premio

Sabato 11 ottobre presso la sala del teatro comunale di Monte S.Giovanni Campano si è svolta la cerimonia di premiazione della 32°edizione del concorso letterario “La Nostra terra”. Erano Presenti il Sindaco Veronesi, il presidente della Banca Popolare del Frusinate Dott. Polselli, il fondatore dell’Associazione Mons. Giovanbattista Proia, il presidente dell’Associazione Franco Patrizi, il consigliere comunale di Sora Dott. Walter Tersigni, il dirigente scolastico Professore Sandro Rapini, il prefetto emerito Dott. Piero Cesari e un folto pubblico di genitori, alunni e insegnanti.

Il tema del concorso è stato “Religiosità popolare in Ciociaria”: riti sacri, laudi, pellegrinaggi devozionali.
Per la sezione scuola primaria il 1° premio è stato ritirato da Aurora Perciballi in rappresentanza delle classi 1 e 2 del plesso Selva dell’istituto comprensivo 2° Riccardo Gulia di Sora. La motivazione del lavoro è stata la seguente: questo concorso ha impegnato le classi 1 e 2 per almeno un quadrimestre.

Le insegnanti hanno accompagnato gli alunni a visitare numerose chiese, hanno promosso e stimolato ricerche e interviste, hanno procurato materiale di consultazione e organizzato incontri con personaggi da intervistare, documentando tutto con numerose fotografie. Conviene ricorrere ai numeri perchè meglio delle parole ci aiutano ad essere concisi: l’elaborato numera ben 143 pagine e contiene 34 disegni eseguiti dagli alunni, 123 foto recenti ed oltre 7 foto d’epoca, articoli di giornali e documenti riprodotti.

Dai testi traspare la soddisfazione comune per aver conosciuto consuetudini e aspetti importanti della memoria spirituale del nostro territorio. La commissione tributa un doveroso elogio alle insegnanti: Anna Tomassi, Antonietta Conte e Gioia Di Pede. Il 3° premio per la categoria scuola secondaria di primo grado è stato conseguito da Giorgia Tatangelo ex alunna della scuola primaria Selva.

Commenti

wpDiscuz
Menu