12 giugno 2013 redazione@sora24.it
LETTO 2.161 VOLTE

L’amaro addio dell’ex Presidente e Consigliere del Sora Calcio Giovanni Fiorini: “Nel calcio la riconoscenza non esiste e voi non meritate tutto quanto abbiamo fatto…”

“Oggi si è ufficialmente chiusa la mia avventura nel Sora Calcio. Ringrazio “quel manipolo di imbecilli” che, solo per amore di quella benedetta maglia a strisce bianconere, il 13 Giugno 2010 hanno iniziato quel magnifico viaggio che ha riportato il Sora in serie D. Permettetemi di ringraziare anche i componenti di quel magnifico evento che fu il comitato di tifosi che permise al Sora Calcio di chiudere un campionato (2009/2010) iniziato con gli accadimenti che molti (ma non tutti) conoscono. Ricordo ancora le riunioni, durate fino a tarda notte con Donato, Romeo, Max Paradisi e Signora, per decidere dove trovare i soldi occorrenti per le spese e non per decidere che tipo di domande fare per ‘il quizzone della pubblica inquisizione’. Un grazie va a quelli che qualcuno ha definito i miei seguaci: Bruno, Michele, Ivo, Alessandro, Stefano e Claudio con i quali ho avuto il piacere di dividere tre anni fatti di sofferenza, sacrifici, problemi di ogni tipo ma anche di gioie indescrivibili come quella del Flaminio e di Budoni. Grazie ai Sindaci degli anni in cui ho fatto questa esperienza: Cesidio Casinelli ed Ernesto Tersigni che, tra mille difficoltà, hanno sempre aiutato quando possibile. Un grazie anche a tutti i tecnici che negli anni si sono succeduti sulla panchina del Sora: Maurizio Promutico, splendido uomo e tecnico sfortunato per essere capitato a Sora nell’anno peggiore; Pasquale Luiso e Michele Iannicola i condottieri di quel magnifico gruppo di uomini che ha riportato il Sora in serie D dopo un anno di battaglie; Gino Castiello, vittima come me di pregiudizi da parte di un gruppo di persone che dal suo arrivo lo hanno attaccato ma che, comunque ha salvato il Sora la scorsa stagione; tutti i componenti lo staff tecnico e medico: Luca Lupi, Daniele Di Vona, Alessandro D’Ambrosio, il Dr. Corona, il Dr. Vicini, Cristian, Marco, “Peppe banana” e tutti quanti hanno sempre messo a disposizione del Sora il loro impegno. Un ultimo, ma non per importanza, grazie lo voglio rivolgere a colui che ritengo la persona più importante e fondamentale del Sora Calcio: Pasqualino Iafrate, grandissimo personaggio e lavoratore instancabile. Lascio con la certezza di aver dato tutto e di più delle mie possibilità e ringrazio tutte le persone che mi (e ci) hanno dimostrato affetto ed amicizia. L’ultimo saluto, amaro, lo faccio a quelli che mi hanno attaccato dalla partita in casa con il Boville della scorsa stagione in poi: qualora ne avessi avuto bisogno mi avete fatto capire che nel calcio la riconoscenza non esiste e voi, cari ragazzi, non meritate tutto quanto abbiamo fatto… per vostro dispiacere anche per voi. Scusate ma non riesco a chiudere con il solito Forza Sora….Grazie a tutti, dal profondo del cuore!!!!!”

Giovanni Fiorini

Commenti

wpDiscuz
Menu