28 aprile 2012 redazione@sora24.it
LETTO 93 VOLTE

ISOLA DEL LIRI – “Lavoro e crescita per uscire dalla crisi”: dal 1891 ad Isola del Liri il corteo provinciale del Primo di Maggio

Martedì 1° maggio 2012 si terrà, a Isola del Liri, la manifestazione a carattere provinciale promossa dalle organizzazioni sindacali CGIL, CISL e UIL di Frosinone in collaborazione con l’amministrazione comunale,  con il tradizionale corteo e successivo comizio. Un appuntamento che si ripete a Isola del Liri ogni anno dal 1891 e si rinnova e si riconferma come “Festa dei Lavoratori e delle Lavoratrici”.

Lo slogan della manifestazione, quest’anno, rispecchia la situazione di crisi che coinvolge non solo l’Italia ma l’Europa tutta e verte sul tema “Lavoro e crescita per uscire dalla crisi”.

“La crisi economica, che coinvolge pesantemente le famiglie e le industrie, dichiara il sindaco Luciano Duro, quest’anno più che mai, richiede la presenza delle Istituzioni  a sostegno del mondo del lavoro. Ho invitato alla manifestazione i sindaci di tutta la Provincia e il Presidente della Provincia Antonello Iannarilli chiedendo loro di intervenire con il gonfalone che rappresenti il loro comune.  La loro partecipazione è fondamentale per dare un segnale di vicinanza e di ascolto ai cittadini che chiedono alle Istituzioni risposte concrete in termini di lavoro, e le chiedono non solo i giovani ma anche i precari e i disoccupati che sono tanti nella nostra Provincia.  Il diritto al lavoro è il primo diritto sancito dalla nostra Costituzione dove viene anche sottolineato il suo valore morale e civile. Ciò che i cittadini si augurano è che la società ma soprattutto le istituzioni sappiano soddisfare questo diritto”.

L’appuntamento è fissato in Piazza De’ Boncompagni martedì 1° maggio alle ore 9.30 per il corteo che sfilerà per le vie cittadine, accompagnato dalle note musicali della Banda Comunale “Maestro Luigi Macciocchi” diretta dal M.° Sandro Taglione, e alle ore 11.00 per il comizio al quale interverrà Dario Roncon, Segretario Regionale della CISL del Lazio.

Commenti

wpDiscuz
Menu