7 settembre 2013 redazione@sora24.it
LETTO 900 VOLTE

Lettera di Augusto Pomi

Riceviamo e pubblichiamo la seguente lettera inviata da Augusto Pomi alla nostra Redazione.

“In merito al comunicato stampa del 06/09/2013 diramato dall’attuale dirigenza della Asd Ginnastica e Calcio Sora, lo scrivente Augusto Pomi, già presidente della medesima società, intende sottoporre alcune doverose precisazioni, al fine di evitare che si ingenerino nell’opinione pubblica errate valutazioni, lesive della mia immagine.

Risponde al vero che esiste una vertenza economica inoltrata dal calciatore Cardazzi (anche se la cifra che il ragazzo deve ancora riscuotere è irrisoria e non, come citato nella nota della dirigenza, di portata così rilevante) ma è anche vero che il sottoscritto Pomi Augusto al momento del passaggio delle quote agli attuali presidenti ha stipulato un accordo – del quale tutte le parti sono a conoscenza – alla luce del sole e così fissato: una parte dei tesserati (calciatori) restavano di proprietà dello scrivente in qualità di ex presidente mentre i restanti 10mila euro (diecimila euro) relativi alla 2a quota del contributo da ricevere per la stagione 2012/2013 dal Comune sarebbero dovuti servire per finire di saldare – ripeto, come tutti ben sanno e dagli stessi interessati accettato – alcuni ragazzi (di cui il Cardazzi) oltre a qualche spesa relativa agli affitti di alcuni appartamenti ancora non corrisposti.

E invece cosa accade? Esattamente che i presidenti attuali – i signori Pecorelli e Attianese – nel frattempo hanno ceduto i calciatori di mia proprietà incassandone la contropartita, chiaramente a mia insaputa, ed è circa un mese che il signor Fabio Attianese, uno dei presidenti in carica, continua a rinviare appuntamenti con il sottoscritto a precise richieste telefoniche.

Lo scrivente, bene evidenziarlo proprio per evitare che venga distorta la realtà, continua a non ricevere garanzie di alcun tipo sul pregresso, quindi esattamente la resitituzione delle spettanze dovutemi dalla cessione dei calciatori di mia proprietà. E’ per questo motivo che il signor Augusto Pomi non può mantenere l’accordo di saldare qualche tesserato della stagione 2012/2013 che ancora deve ricevere parte degli emolumenti. Ecco spiegata, dunque, la vertenza del Cardazzi.

Faccio altresì presente che solo quando il Comune provvederà ad erogare la 2a rata del contributo previsto e solo quando verrò in possesso dei soldi spettanti come da accordo preventivo e relativi alle cessioni compiute dalla attuale dirigenza, sarò in grado di ottemperare agli impregni assunti. In caso contrario, mio malgrado, mi vedrò costretto a non mantenere gli accordi iniziali con i tesserati rimasti da saldare e in conseguenza, bene che questo si sappia, arriveranno altre vertenze economiche.

Quindi prego l’attuale dirigenza della Asd Ginnastica e Calcio Sora di evitare, per quanto nella sensibilità della attuale dirigenza, di continuare a gettare fango addosso alla figura ad una persona, il sottoscritto Augusto Pomi, che ha dato l’anima e soprattutto ha dispensato proprie risorse finanziarie per tenere vivo il calcio a Sora. E che, per il rispetto della città e dei tifosi ancora sta pagando di tasca propria. Aggiungo, sempre rivolto alla attuale dirigenza bianconera, di mantenere gli accordi assunti.

Infine, per quanto riguarda i ragazzi della formazione Juniores Di Mambro, Di Iorio e Lugi Trinca, sono depositate presso la sede della società le dichiarazioni liberatorie della società appartenente e inviate in Lega dal segretario Sardellitti. Ma a tal riguardo mi preme anche aggiungere che quella particolare gestione non mi competeva, perchè come ben sapete il settore giovanile comprensivo della squadra Juniores era in gestione al signor Roberto Cirelli.
Penso che con la presente il sottoscritto abbia dato un’ampia spiegazione di come stanno realmente le cose. Ho la speranza che cessino le polemiche per il bene del Sora ma voglio soprattutto sperare che gli accordi assunti con i signori Pecorelli e Attianese vengano rispettati con i fatti.
Certo di una Vostra pubblicazione della presente nota, mi pregio di inviarVi i più cordiali saluti.”

Augusto Pomi

Commenti

wpDiscuz
Menu