7 dicembre 2013 redazione@sora24.it
LETTO 1.952 VOLTE

L’omaggio di Rodolfo Damiani a Gabriele Ferri

Fratelli e Sorelle PACE E BENE. Noi Amici e Commilitoni di GABRIELE, in questa ora di acerbo dolore, vogliamo ricordarlo, anzi in spirito accompagnarlo  nel momento in cui si appresta al viaggio dei viaggi. Il nostro non  sarà un peana da prefiche o un ricordo a elencare le sue qualità, per cui per non cadere nell’ovvio e nello scontato, abbiamo scelto di salutarlo lasciandoci guidare da S. Agostino.

“E’ un mistero la morte? Per chi crede e per chi ha abbracciato Cristo, NO. Si parte solo per un viaggio, un viaggio in  altre dimensioni che prescindono da quelle fisiche. Allora non è nulla di sconvolgente. Un viaggio che porta dall’umana alla dimensione che conta e a cui siamo uniti spiritualmente. A te Manuela dolce compagna e a voi figli amatissimi GABRIELE, cristiano in cristiana letizia dice io resto ancora io tu sei tu, voi siete voi, ancora siamo quello che eravamo l’uno per gli altri, è cambiata solo la dimensione non l’amore. Chiamatemi come mi avete sempre chiamato. Parlatemi come avete sempre fatto. Senza toni mesti e senza arie diverse. Ridiamo e ridete ancora di ciò che ci faceva ridere insieme, perché io sono con voi, anche se voi ne percepite solo il ricordo. Pregate per me, ma sorridendo. Pensate a me con grande gioia. Parlate di me, sono fra voi. La vostra vita non cambia perché ci sono e vi guardo e vi guido con più amore di prima. Nulla si è interrotto. Non mi vedete, come non vedete l’affetto. Come non vedete la stima e i sentimenti ma ci sono. Convincetevi sono più vicino di quanto non crediate. Sono solo dalla parte del pellegrinaggio quella che Cristo ci ha annunciato essere della “Beata Speranza”. Vedete è tutto chiaro, se vi concentrate ascolterete il mio cuore in voi. Asciugate le vostre lacrime, perché la mia anima vive. Alla fine di questo  atto di fede Noi, che avremo cara con la tua memoria l’affetto per la tua famiglia invitiamo tutti a salutarti con un fraterno “Gabriele a Dio non addio”. DIO ha dato DIO ha tolto, sia Benedetto il Nome del SIGNORE”.

Queste mie meditazioni, ispirate da Sant’Agostino, sono un misero omaggio a Gabriele e un atto di affetto verso la sua famiglia.

Rodolfo Damiani

Commenti

wpDiscuz
Menu