3 settembre 2011 redazione@sora24.it
LETTO 422 VOLTE

L’opera “Spensieratezza” di Pepijoy torna a Sora – Ricevute le scuse per il fitness forzato

Ha reso pubbliche le scuse da parte di tutta l’Amministrazione Comunale, l’Assessore alla Cultura del Comune di Sora (FR) Andrea Petricca, durante la conferenza stampa tenutasi giovedì 1 settembre, di quanto accaduto durante il corso della mostra personale dell’artista “Pepijoy” Pierangela Ezzis. La mostra Patrocinata dal Comune e nel programma dell’Estate Sorana, aperta al pubblico dal 30 luglio al 18 agosto nella Sala Espositiva del Museo Civico della Media Valle del Liri, era stata inspiegabilmente affiancata dal parcheggio di cyclette e materassini da palestra, a seguito della notte bianca dello sport del 10 agosto, lungo la sala museale accanto e di fronte alle opere della scultrice per oltre una settimana. Pepijoy sgomenta di quanto avvenuto, aveva ritirato la scultura inizialmente donata al Museo. Avendo apprezzato e raccolto le sincere scuse per l’accaduto, Pepijoy ha deciso di riconsegnare l’opera “Spensieratezza” in ceramica raku cm. 60 x 48, che è stata ufficialmente presentata nel corso della conferenza stampa, e donata definitivamente al Museo Civico della Media Valle del Liri del Comune di Sora (FR), entrando a far parte della collezione permanente d’arte moderna e contemporanea. La conferenza stampa si è svolta in un clima conciliante, sereno e disteso, tanto che Pepijoy ha accettato di considerare l’invito da parte dell’Assessore alla Cultura Andrea Petricca, di tornare presto ad esporre le sue opere a Sora.

“Spensieratezza” è momentaneamente visibile nella biblioteca, in attesa che venga allestita nel Museo la nuova sezione permanente d’arte moderna e contemporanea.

Comunicato di Pierangela Ezzis

Commenti

wpDiscuz
Menu