11 maggio 2017 redazione@sora24.it
LETTO 5.632 VOLTE

«L’Ospedale di Sora mi ha salvato la vita. È il migliore del Lazio!». La testimonianza di Vincenzo

«L’Ospedale di Sora mi ha salvato la vita». Così Vincenzo Mancini, paziente ricoverato alcuni giorni fa per una gravissima insufficienza respiratoria al SS. Trinità di Sora.

Dopo una prima stabilizzazione in pronto soccorso è stato trasferito in UTIC in gravissime condizioni. Per alcuni giorni è stato trattato con tecniche di ventilazione non invasiva, e nonostante la gravità del quadro clinico le cure intensive hanno permesso un progressivo miglioramento fino alla possibilità di respirare senza più la necessità di ossigeno. Progressivamente è stato mobilizzato (cosa che non era più riuscito a fare a casa negli ultimi mesi) e ieri sera è stato trasferito in Lungodegenza sereno e sorridente.

«Voglio ringraziare con tutto il cuore l’ospedale – ha dichiarato Mancini dopo averci contattato personalmente – in particolare l’UOC di Cardoologia, il Responsabile del Reparto, Dott. Scaccia, le Dott.sse Gemmiti, Corsi, Calicchia, il Dott. Del Vecchio, tutto il personale infermieristico e ausiliario, in particolare le infermiere Katia, Lucia e Pina. Sono stato trattato come uno di famiglia: l’Ospedale di Sora, per me che di nosocomi ne ho girati tantissimi, è il migliore del Lazio, i cittadini devono saperlo!».

Commenti

wpDiscuz
Menu